Radio Città Fujiko»Notizie

I Mondiali Antirazzisti raddoppiano e vanno a Riace

La manifestazione di Uisp nel luogo simbolo dell'accoglienza.


di Alessandro Canella
Categorie: Sport, Migranti
MondialiAntirazzisti.jpg

I Mondiali Antirazzisti, la manifestazione sportiva internazionale di Uisp, quest'anno si svolgeranno a Riace, città simbolo dell'accoglienza sul cui sindaco Mimmo Lucano si è accanito il governo. Dal 5 all'8 luglio i tradizionali tornei, ma i mondiali non lasciano a bocca asciutta Bosco Albergati. L'intervista a Daniela Conti.

L'odio e il razzismo aumentano in Italia? Allora i Mondiali Antirazzisti raddoppiano. La manifestazione internazionale di Uisp, che da molti anni si svolge a Bosco Albergati e che mette a confronto sportivi, militanti, tifosi e associazioni contro le discriminazioni di tutte le provenienze, nel 2019 darà vita ad una sorta di rivoluzione.
La novità che salta più all'occhio è senza dubbio il torneo che si svolgerà a Riace, città simbolo dell'accoglienza. Ma ci sono anche un altro paio di notizie che gli organizzatori hanno messo letteralmente in campo.

Anzitutto sarà creato un Almanacco Antirazzista , dove trovare tutte le informazioni delle varie attività locali legate alle attività antirazziste e ai Mondiali sparse per l'Italia e il mondo.
I tornei di calcio e pallavolo che si svolgevano a Bosco Albergati si terranno, ma il periodo verrà anticipato: dal 31 maggio al 2 giugno, in contemporanea con l'iniziativa "Viver Verde" e con le finali del Torneo Antirazzista Dimondi, che si svolge a Bologna.
"Non cureremo più l'accoglienza e i concerti - spiega ai nostri microfoni Daniela Conti, una delle organizzatrici - che saranno in capo a Viver Verde, con cui comunque collaboriamo da anni".

Nelle giornate che, fin qui, hanno contraddistinto i Mondiali Antirazzisti, in particolare dal 5 al 7 luglio, la manifestazione si sposterà a Riace. "Ci fa piacere che la Cassazione in questi giorni abbia dato ragione a Mimmo Lucano - commenta Conti - Riace è una città in attesa di rinascere e per questo i Mondiali hanno deciso di andarci, perché noi crediamo in un modello di accoglienza che rispetti la dignità delle persone e che quindi riesca a dar loro lavoro, oltre che a una casa".

I Mondiali Antirazzisti, quindi, vogliono dare il loro contributo per la rinascita del paesino, dopo lo smantellamento operato dal Viminale.
Lo sport, l'antirazzismo e il turismo sostenibile sono gli ingredienti che Uisp mescola insieme.
Proprio oggi, intanto, sul sito dei mondiali antirazzisti aprono le iscrizioni ai tornei . "Le squadre possono partecipare ad entrambe le manifestazioni - spiega Conti - Chiediamo a tutti di indicarci con precisione le presenze, perché sia a Riace che a Bosco Albergati abbiamo bisogno di gestire gli spazi".

ASCOLTA L'INTERVISTA A DANIELA CONTI:

Ascolta Online


realizzato da Channelweb srl  /  progetto grafico Eddy Anselmi  /  P. IVA 00954970372

Questo sito web impiega cookie tecnici e di profilazione, proseguendo nella navigazione si acconsente al loro utilizzo close[ informazioni ]