Radio Città Fujiko»Notizie

Elezioni, le richieste dell'associazione Stefano Cucchi

Un manifesto in sei punti con misure per i diritti umani.


di Alessandro Canella
Categorie: Movimento
ilaria_cucchi.jpg

Authority sui diritti umani, modifica della legge sulla tortura, stralcio della legge sulle intercettazioni, revisione dei decreti-sicurezza, attuazione della riforma dell'ordinamento carcerario e i codici identificativi per le forze dell'ordine. Sono le richieste dell'associazione Stefano Cucchi rivolte ai candidati alle elezioni. L'intervista ad Ilaria Cucchi.

A un mese dall'appuntamento elettorale del 4 marzo, l'associazione Stefano Cucchi Onlus lancia la sfida a candidati e futuri eletti: una serie di proposte e impegni "prioritari dal punto di vista dei diritti civili e umani nel nostro paese", spiega la presidente Ilaria Cucchi. Un manifesto "su cui chiediamo che i candidati si impegnino pubblicamente avviandoli, se eletti, nei primi 100 giorni del Parlamento che verrà".

I 6 punti: un'authority indipendente sui diritti umani; la modifica della legge sulla tortura; lo stralcio della nuova disciplina sulle intercettazioni; la revisione dei decreti-sicurezza e in generale di una politica preferisce escludere invece che includere; l'attuazione della riforma dell'ordinamento carcerario; i codici identificativi per le forze dell'ordine.

L'authority indipendente sui diritti umani.
"Un obbligo divenuto ormai improcrastinabile", spiega Ilaria Cucchi. L'Italia non si è ancora dotata di una Istituzione nazionale indipendente per i diritti umani e risulta inadempiente rispetto alle risoluzioni internazionali di Nazioni Unite e Consiglio d'Europa.
L'Istituzione nazionale indipendente sui diritti umani è un organismo incaricato di monitorare, proteggere e promuovere i diritti umani ed è attualmente presente in oltre 120 paesi nel mondo, e in oltre 40 in Europa.

"È una realtà che aspettiamo da almeno 20 anni", spiegano dalla Cucchi Onlus. L'associazione chiede quindi un'istituzione che si occupi della promozione e del monitoraggio dei diritti umani, con la verifica dell'attuazione delle convenzioni e degli accordi internazionali ratificati dall'Italia. L'istituzione potrà anche formulare raccomandazioni e proposte al governo, portando avanti una proficua collaborazione con gli organismi internazionali preposti. Si occuperà anche dell'analisi delle segnalazioni in materia di violazioni di diritti umani e della promozione presso le autorità, le istituzioni e gli organismi pubblici preposti, nonché le amministrazioni pubbliche, le istituzioni scolastiche e le università.

Modifica della legge sul reato di tortura.
Il Parlamento "ha approvato una legge inservibile e in totale contraddizione con la convenzione Onu sulla tortura e con le indicazioni contenute nella sentenza di condanna contro l'Italia della Corte europea per i diritti umani del 7 aprile 2015 (Cestaro vs Italia per il caso Diaz)", spiegano dall'associazione.

"È un testo inaccettabile per un paese che intende rimanere nel perimetro delle nazioni democratiche e della Convenzione europea sui diritti umani e le libertà fondamentali - dice il vicepresidente Fabio Anselmo - Chiediamo che venga modificata subito: è una legge che sembra concepita affinché sia inapplicabile a casi concreti. Abbiamo denunciato già, in fase di approvazione, il fatto che alla fine avremmo avuto una legge inutile e controproducente ai fini della punizione e della prevenzione di eventuali abusi. Chiediamo una legge contro la tortura che ritorni al testo concordato in sede di Nazioni Unite: garantisce un equilibrato aggiornamento del codice penale e può essere approvato dal Parlamento nell'arco di poco tempo", conclude l'avvocato Anselmo.

Codici identificativi sulle uniformi degli agenti impegnati in attività di ordine pubblico.
Un'ipotesi di cui si discute da quasi 20 anni, con molte associazioni che si sono già  espresse a favore. "È del 2001 la raccomandazione del Consiglio d'Europa che prevede l'obbligatorietà di un numero identificativo sulle divise degli agenti impegnati in operazioni. E anche il Parlamento europeo ha espresso con chiarezza la necessità, a tutela degli operatori e della cittadinanza - spiegano dall'associazione Cucchi - La richiesta non è naturalmente quella di esporre un nome e un cognome, ma un identificativo alfanumerico che avrebbe un duplice effetto di trasparenza: verso i cittadini e a garanzia di tutti gli agenti delle forze dell'ordine che svolgono correttamente il loro servizio".

Stralcio della nuova disciplina sulle intercettazioni.
L'amministrazione della giustizia "diventa sempre meno democratica poiché la difesa nel processo penale è ormai appannaggio solo di chi ha notevoli potenzialità economiche - spiega l'associazione Stefano Cucchi Onlus - Anche la nuova disciplina sulla intercettazioni, oltre a costituire un inaccettabile bavaglio alla libertà di stampa, conferisce potere esclusivo alla polizia giudiziaria di ascoltare tutte le intercettazioni fatte durante le indagini attribuendo al suo esclusivo sindacato il giudizio di rilevanza o meno delle stesse anche per la difesa degli imputati e delle persone offese".

Quindi "tutte le intercettazioni ritenute dalla polizia non rilevanti non verranno più trascritte e quindi non sottoposte al vaglio del magistrato, costringendo i cittadini normali a fidarsi del giudizio esclusivo della polizia senza poter effettuare alcun controllo e di fatto pregiudicando il diritto di difesa per i cittadini normali. Chiediamo quindi l'abrogazione della legge sulle intercettazioni".

Carceri e condizioni di detenzione e attuazione riforma ordinamento penitenziario.
"Chiediamo che lo studio e gli interventi sul sistema carcerario diventino parte integrante dell'attività dei prossimi parlamentari - spiega Irene Testa, radicale e tra i fondatori dell'associazione Stefano Cucchi Onlus - Nonostante il buon lavoro portato avanti dal ministro Orlando, molto ancora c'è da fare soprattutto sulla riforma dell'ordinamento penitenziario. Rimangono esclusi i capitoli più importanti, relativi al lavoro e all'affettività: indispensabili per la piena attuazione dell'articolo 27 della Costituzione. Chiediamo che le carceri siano monitorate costantemente e invitiamo i prossimi parlamentari ad esercitare il potere di sindacato ispettivo. E chiediamo che si trovino soluzioni alternative alla detenzione per le persone malate e con disturbi psichiatrici, che oggi rappresentano la popolazione più numerosa di chi sconta una pena in regime carcerario".

Criminalizzazione della società civile.
L'Italia vede un trend crescente di accanimento nei confronti degli ultimi: i poveri, chi si prostituisce, gli accattoni, i senza casa - gradualmente ma costantemente allontanati dal centro delle città e dalla vista della cittadinanza.
"Si tratta di un'impostazione ormai consolidata - spiegano dall'associazione - Allontanare il problema invece di prendere in carico le situazioni a livello istituzionale: la 'pubblica sicurezza' ha inaugurato una nuova stagione in cui, in nome del decoro, si criminalizza chi vive in condizioni di povertà e si reprime con forza ogni dissenso".

Le ordinanze anti-barboni, l'architettura ostile, la creazione di comitati di cittadini per il "decoro", i daspo contro senzatetto e attivisti, il potenziamento degli sgomberi di occupazioni abitative senza soluzioni alternative raccontano di città che escludono sempre più.
L'associazione Stefano Cucchi Onlus chiede alla nuova legislatura e al prossimo governo un deciso cambio di passo contro quella che, alla fine, si rivela essere come un'ingiustizia. "Chiediamo che le problematiche sociali vengano trattate in quanto tali e non piu' come problemi di ordine pubblico".

Fonte: Dire

ASCOLTA L'INTERVISTA A ILARIA CUCCHI:

Ora in onda

Salvate i mobili è una vecchia espressione usata durante l'alluvione del Polesine. Qui si salvano i vinili e la musica analogica dall'alluvione digitale.

Ascolta Online


realizzato da Channelweb srl  /  progetto grafico Eddy Anselmi  /  P. IVA 00954970372

Questo sito web impiega cookie tecnici e di profilazione, proseguendo nella navigazione si acconsente al loro utilizzo close[ informazioni ]