Radio Città Fujiko»Notizie

A Monte Sole un 25 aprile ad alto contenuto di pace

Le iniziative per la giornata della Liberazione nel Parco Storico.


di redazione
Categorie: Storia
monte-sole-600x390-600x390.jpeg

Il 25 aprile a Monte Sole: Percorsi Antifascisti prevede un programma di chiara impronta pacifista, con il giornalista Gabriele Del Grande, la partigiana Lidia Menapace, il fondatore di Emergency Gino Strada e Maurizio Landini. Approfondimenti su Ventimiglia e le migrazioni. Musica con Yo Yo Mundi, Nuju e tanti altri. L'intervista ad Elena Monicelli della Scuola di Pace.

In un mondo funestato dalla guerra e minacciato da altri nuovi conflitti, il 25 aprile a Monte Sole sarà invece ad alto contenuto di pace. Il programma organizzato all'interno di Percorsi Antifascisti, il nome che ogni anno accompagna le celebrazioni della Liberazione, infatti, prevede ospiti che fanno del ripudio della guerra una bandiera.
Le orazioni ufficiali del mattino del 25 aprile, ad esempio, sono affidate alla partigiana e pacifista Lidia Menapace e al giornalista Gabriele Del Grande, che nel pomeriggio presenterà anche il suo ultimo libro "Dawla - La storia dello Stato Islamico raccontata dai suoi disertori".

Di pacifismo è intriso anche il pomeriggio, quando dal palco prospicente al "pratone" interverranno il fondatore di Emergency Gino Strada e l'ex segretario della Fiom Maurizio Landini.
Nessun esponente politico o istituzionale figura invece nell'edizione di quest'anno. "Abbiamo colto la palla al balzo delle elezioni politiche, che rendevano difficile una programmazione con alte cariche dello Stato - spiega ai nostri microfoni Elena Monicelli della Scuola di Pace di Monte Sole - per dare seguito ad una riflessione che avevamo fatto, ovvero la necessità di dare spazio ai cittadini, poiché la liberazione avvenne grazie e soprattutto all'impegno di tante e tanti".

Oltre alla tradizionale visita guidata ai luoghi della strage di Monte Sole, uno degli approfondimenti previsti nella giornata riguarda il tema delle migrazioni e dei confini. In particolare verrà presentato “Il nostro ritorno a Ventimiglia”, di Lorenzo Balbo e Luca Vanelli.
Numerosi, inoltre, i gruppi musicali che si alterneranno sul palco del Poggiolo, tra cui Yo Yo Mundi, Nuju, Mama Afrika e il vincitore del contest musicale di quest'anno, il rapper bolognese Son Voi.
Confermati anche per l'edizione di quest'anno i punti ristoro e il servizio di navetta che accompagnerà fino a Monte Sole (e ritorno) dalle 9.00 alle 20.00

Il programma di Percorsi Antifascisti, in realtà, comincia prima del giorno della Liberazione. Lunedì 23 e martedì 24 aprile, alla Casa della Cultura e della Memoria di Marzabotto, infatti, sono previsti due incontri. Lunedì verrà presentato "La strada dell'asino" e ci sarà un incontro con un richiedente asilo. Martedì, invece, la presentazione del libro "Fascismo e tortura a Bologna - La violenza fascista durante il regime e la Repubblica Sociale Italiana" di Renato Sasdelli.

ASCOLTA L'INTERVISTA AD ELENA MONICELLI:

Ascolta Online


realizzato da Channelweb srl  /  progetto grafico Eddy Anselmi  /  P. IVA 00954970372

Questo sito web impiega cookie tecnici e di profilazione, proseguendo nella navigazione si acconsente al loro utilizzo close[ informazioni ]