Radio Città Fujiko»Musica

Tornano i Siki con un nuovo progetto artistico

'Senza Casco' il nuovo singolo.


di redazione
Categorie: Musica
46499372_10156874708234732_4678420193775452160_o.jpg?_nc_cat=103&_nc_ht=scontent-mxp1-1.xx&oh=2dc3eaeefb2f7e89a523c1107aa1fa6b&oe=5CA5A538

Un tempo vera e propria band, oggi è più corretto definire i Siki come un collettivo di produttori e musicisti al servizio di un progetto fondamentalmente pop, con una particolare inclinazione per tutta la musica di matrice afroamericana. Oggi i Siki tornano con un nuovo EP 'Senza Casco' che anticipa l'album in uscita nel 2019.

Ai microfoni di Fujiko Factory Gianmarco Diana, il bassista dei Siki, racconta il percorso artistico di vent'anni di carriera musicale e dell'uscita dell'ultima EP 'Senza casco'.
Nati nel 2000 a Cagliari i 'Sikitikis', dopo molti anni di lavoro dedicati alla musica da sonorizzazione, sono stati tra le prime band della scena indie pop italiana.
"Il progetto nasce vent'anni fa con un nome più lungo 'Sikitikis', un nome palindromo che aveva a che fare con divinità antropomorfe polinesiane e malattia mentale - spiega l'artista - mentre la reincarnazione del progetto più recente che snellisce sia nel nome, Siki, che nel sound".

S’intitola 'Senza Casco' il nuovo singolo, ultimo tassello della nuova direzione artistica del progetto. Il brano, ricco di atmosfere intime e malinconiche, è l’ultimo estratto dall'omonimo EP, che anticipa un album in arrivo previsto per il 2019.

I Siki al completo sono Alessandro Spedicati alla voce e al beat, Gianmarco Diana al basso e Samuele Dessì alla chitarra e al programming.
'Senza Casco' è un brano intimo e notturno che conferma il cambio di direzione artistica. "Rispetto al modo di lavorare precedente dove si creava scrivendo il disco in un colpo solo come una band, abbiamo lavorato track by track, su ogni singola canzone, per i primi due brani rilasciati con il nome di Siki.
Per questo EP invece - spiega Gianmarco - abbiamo lavorato in modo più compatto, per quanto riguarda il suono, la scelta timbrica degli strumenti e le atmosfere che rimandano alle notti della quattro stagioni".

"I testi li scrive principalmente Alessandro Spedicati, il cantante - continua - Cerchiamo di dare uno sguardo dal personale verso il generale, osserviamo le generazioni nuove intorno a noi con gli occhi della nostra, con un mestiere che però ci tiene giovani in mezzo ai giovani".

ASCOLTA L'INTERVISTA A GIANMARCO DIANA DEI SIKI:

Ascolta Online


realizzato da Channelweb srl  /  progetto grafico Eddy Anselmi  /  P. IVA 00954970372

Questo sito web impiega cookie tecnici e di profilazione, proseguendo nella navigazione si acconsente al loro utilizzo close[ informazioni ]