Radio Città Fujiko»Musica

Tastiere mediterranee in libertà: Antonello Salis e Simone Zanchini

tutto il BJF giorno per giorno:

Castelmaggiore (BO), Villa Zarri, ore 17

Antonello Salis & Simone Zanchini

Liberi”

Antonello Salis, fisarmonica; Simone Zanchini, pianoforte

 

---------------------------------------------------------------

 

Bologna, Binario69, ore 22

EuJAMM

Andrea Silvia Giordano, voce; Vieri Cervelli Montel, voce e chitarra;

Francesco Marchetti, contrabbasso; Nicholas Remondino, batteria


-------------------------------------------------------

 

 

Shirley Clarke: a jazz point of view

, ore 22:15     Bologna, Cinema Lumière

: THE CONNECTION

 


di Alfredo Pasquali
Antonello Salis
Antonello Salis

Due generazioni a confronto sull'improvvisazione per pianoforte e fisarmonica


                                                            On Stage

Antonello Salis

Antonello Salis é uno dei veterani di qualità del jazz italiano: già nel 1973 milita nei Cadmo in Sardegna, per poi passare a Roma incidendo le sue prime produzioni in studio. Il suo curriculum musicale lo porta a studiare prima il pianoforte e poi l’organo hammond, a cui si aggiunge la fisarmonica. Su tutte le tastier comunque Salis é davvero un virtuoso, riuscendo ad esempio a far trasmigrare nello strumento a mantice una gran forza di swing, cosa certamente non facile per la fisarmonica. Ben presto, dato il suo valore conclamato, collabora con il fior fiore internazionale: Francis Kuipers, Massimo Urbani, Enrico Rava, Paolo Fresu, Fabrizio Bosso, Rita Marcotulli, Stefano Bollani, Evan Parker, Javier Girotto e gli Aires Tango, Anouar Brahem, Michel Portal, Don Cherry, Don Pullen, Billy Hart, Ed Blackwell, Billy Cobham, Horacio "El negro" Hernandez, Han Bennink, Naná Vasconcelos, Cecil Taylor, Pat Metheny, Roscoe Mitchell e Lester Bowie.

Simone Zanchini

Fisarmonicista tra i più interessanti e innovativi del panorama internazionale, la sua ricerca si muove  tra  i  confini  della  musica  contemporanea,  acustica  ed  elettronica,  sperimentazione sonora, contaminazioni extracolte senza dimenticare la tradizione, sfociando così in un personalissimo approccio alla materia improvvisativa. Diplomato con lode in fisarmonica classica al Conservatorio “G.Rossini” di Pesaro, con il maestro Sergio Scappini. Strumentista eclettico, esercita un’intensa attività concertistica con gruppi di svariata estrazione musicale (improvvisazione, musica contemporanea, jazz, classica). Ha suonato nei maggiori festival e rassegne in Italia (Clusone Jazz, Umbria Jazz, Tivoli Jazz, Time in Jazz -Berchidda, Sant’Anna Arresi, Barga Jazz, Mara Jazz, Jazz in’it -Vignola, Ravenna Festival, Rossini Opera Festival, Siena Jazz, Rumori Mediterranei - Roccella Jonica) e nei più importanti festival internazionali (Francia, Austria, Germania, Inghilterra, Olanda, Svezia, Danimarca, Finlandia, Slovenia, Croazia, Macedonia, Spagna, Norvegia, Russia, Tunisia, Libano, India, Venezuela, USA, Giappone). Vanta collaborazioni con molti musicisti di fama internazionale e di differenti estrazioni: Thomas Clausen, Gianluigi Trovesi, Javier Girotto, Marco Tamburini, Massimo Manzi, Tamara Obrovac,  Vasko  Atanasovski,  Paolo  Fresu, Antonello Salis,  Han  Bennink,  Art  Van Damme, Bruno Tommaso, Ettore Fioravanti, Mario Marzi, Michele Rabbia, Andrea Dulbecco, Giovanni Tommaso, Gabriele Mirabassi, Frank Marocco, Bill Evans, Adam Nussbaum, Jim Black, John Patitucci.
Ha collaborato con molti musicisti di fama internazionale provenienti da diversi background musicali come Thomas Clausen, Gianluigi Trovesi, Javier Girotto, Marco Tamburini, Massimo Manzi, Tamara Obrovac, Vasko Atanasovski, Paul Fresu, Antonello Salis, Han Bennink, Art van Damme, Bruno Tommaso , Ettore Fioravanti, Mario Marzi, Andrea Dulbecco, Giovanni Tommaso, Gabriele Mirabassi, Frank Marocco, Bill Evans, Adam Nussbaum e Jim Black. Dal 1999, collabora con i Solisti dell'Orchestra del Teatro alla Scala di Milano, con questo gruppo ha girato regolarmente.
Oltre alle rappresentazioni musicali e alla ricerca, Zanchini guida anche i laboratori della fisarmonica e l'impro collettiva.

Zanchini si presenta al pianoforte e dialogherà con la fisarmonica di Antonello Salis, “Liberi” di sperimentare nella fantasia musicale meditarranea.

---------------------------------------------------------------------------------------------------------------------------------------------

                                                    On Stage

European Jazz Master
EUJam è un programma post-laurea congiunto per giovani artisti e compositori jazz d'elite in cinque scuole europee di jazz ad Amsterdam, Berlino, Copenaghen, Parigi e Trondheim.  Dal prestigioso master europeo arrivani al Binario69  Andrea Silvia Giordano alla voce, Vieri Cervelli Montel vocalist  e chitarra, Francesco Marchetti al contrabbasso e Nicholas Remondino alla batteria

-------------------------------------------------------------------------------------------------------------------------------------


Shirley Clarke: a jazz point of view

Bologna, Cinema Lumière

THE CONNECTION

di Shirley Clarke

(Stati Uniti 1962 – v. o. sott. it. 110’) musiche di Freddie Redd

in collaborazione con Cineteca di Bologna

a cura di Reading Bloom

--------------------------------------------------------------------------------------------------------------------------------------------

  Big Band Theory

Thelonious Monk riesce a tradurre il suo pianoforte fatto di puro astrattismo musicale in grande organico, creando ritmi e melodie paradossali in versione big band. Così il grande organico diventa quasi un prolungamento della tastiera del grande Thelonious



Ascolta Online


realizzato da Channelweb srl  /  progetto grafico Eddy Anselmi  /  P. IVA 00954970372

Questo sito web impiega cookie tecnici e di profilazione, proseguendo nella navigazione si acconsente al loro utilizzo close[ informazioni ]