Radio Città Fujiko»Musica

La Rappresentante di Lista e la musica queer

Con ‘Maledetta tenerezza’ la band si prepara al nuovo tour italiano.


di redazione
Categorie: Musica
La rappresentante di lista.jpg

 L’1 Marzo è uscito Maledetta tenerezza, il nuovo singolo de La Rappresentante di lista. La band nata nel 2011 dall'incontro tra Veronica Lucchese e Dario Magiaracinar, presso un laboratorio teatrale di Palermo, si prepara per il tour italiano, che li porterà anche al Locomotiv di Bologna il 23 marzo.

La Rappresentante di Lista è innanzitutto un progetto di ricerca, nato con un punto di vista plurale femminile: una femmina che accoglie, che si prende cura, che ama. Il nome prende origine quando, per poter votare al referendum abrogativo del 2011 sulla produzione di energia nucleare, Veronica si iscrive come rappresentante di lista di uno dei vari partiti politici.

Le canzoni de La Rappresentante di Lista sono un unicum nel quale convivono scrittura, teatro e musica: i loro versi sono frammenti di romanzi, i loro concerti sono spettacoli teatrali, la metrica dei loro versi scalcia violentemente fra un accordo e un altro, la sostanza musicale dei loro brani è brutalmente istintiva, ma più che consapevolmente rigorosa.

Dalla primavera del 2015 il trombettista Enrico Lupi e la percussionista Marta Cannuscio entrano a far parte del gruppo. Nel settembre dello stesso anno, Veronica viene nominata miglior voce femminile della scena indie dal MEI, mentre la band si ritroverà fra i 60 finalisti di Sanremo Giovani con il singolo Apriti Cielo.

Nel dicembre del 2015 esce Bu Bu Sad, candidato alle Targhe Tenco come miglior disco dell’anno. In questo periodo si unisce alla band anche Erika Lucchesi, sorella di Veronica Lucchese. Il tour del secondo disco porta i cinque musicisti ad esibirsi in tutta Italia riscuotendo un grande successo sia da parte pubblico che da parte della critica. Qui si strutturerà quella che sarà la loro cifra stilistica: una scrittura fortemente visionaria e una sintesi tra cantautorato e sonorità elettroniche.
Il gruppo si definisce una “queer pop band”, prendendo in prestito il termine “queer” (strambo, oltre il genere, trasversale) dai dibattiti sull’identità sessuale.

L'8 novembre 2018 la band annuncia sui social l'uscita del terzo album in studio, Go Go Diva, pubblicato dalla Woodworm Label. Il nuovo album viene descritto come «un invito a perdersi, a battersi, a spogliarsi e a cantare con tutta la voce che si ha in corpo». Di questo parla il disco, dichiarano: ‘si  tratta di mettersi a nudo, di farlo insieme, di osare, di desiderarsi e offrirsi, di avere coraggio, di fare delle scelte e viversi la responsabilità».

La produzione del terzo disco ha inizio all’interno dello studio Fat Sounds di Palermo in collaborazione con il produttore storico Roberto Cammarata e con il supporto della band che nel frattempo continua ad ampliarsi con il recente ingresso del batterista Roberto Calabrese.

Ileana Caselli

ASCOLTA L’INTERVISTA AL CHITARRISTA DARIO MAGIARACINAR:

Ascolta Online


realizzato da Channelweb srl  /  progetto grafico Eddy Anselmi  /  P. IVA 00954970372

Questo sito web impiega cookie tecnici e di profilazione, proseguendo nella navigazione si acconsente al loro utilizzo close[ informazioni ]