Radio Città Fujiko»Notizie

Mobility mass contro i ladri di biciclette e chi le acquista

La manifestazione di Salvaiciclisti in piazza Verdi alle 20.00.


di Alessandro Canella
Categorie: Giustizia
839998e06c2f41419e3797450bd73178_XL.jpg

I ciclisti bolognesi si danno appuntamento questa sera alle 20.00 in piazza Verdi per dire no al furto di biciclette e al loro acquisto. Un problema di dimensioni sempre più preoccupanti che mette in discussione il diritto alla mobilità sostenibile. Salvaiciclisti lancia l'appello: "Non acquistate bici rubate, è un reato". E in un video spiega come legare le due ruote. GUARDA IL VIDEO

Era il 1948 quando Vittorio De Sica fece uscire uno dei suoi più celebri film, "Ladri di biciclette", in cui fotografava la fragilità dell'Italia del dopoguerra, quando anche il furto di una bicicletta poteva mettere in seria difficoltà chi usava quel mezzo per andare al lavoro.
Sono passati 66 anni, ma il problema del furto di biciclette è tutt'altro che risolto. Anzi, è in aumento, perché a crescere - come certificato dall'Ufficio statistico del Comune di Bologna - sono le persone che scelgono di utilizzare le due ruote come mezzo di trasporto.
Per denunciare i problema e sensibilizzare la popolazione, Salvaiciclisti darà vita ad una mobility mass che, partendo alle 19.30 da piazza San Francesco, giungerà alle 20.00 in piazza Verdi, luogo chiave del mercato illegale delle biciclette.

"Inizialmente l'iniziativa era stata pensata per festeggiare i 1000 contatti della nostra pagina Facebook - spiega Simona Larghetti di Salvaiciclisti - ma l'atmosfera gioiosa è stata guastata da notizie di furti ai danni di nostri amici e simpatizzanti".
Sotto le Due Torri, il problema sta assumendo dimensioni sempre più preoccupanti, proprio perché aumentano le persone che utilizzano la bici. Ma questo trend positivo potrebbe essere frenato proprio dal problema dei furti. "Non è la prima volta - osserva Larghetti - che sentiamo storie di persone che rinunciano a muoversi in bicicletta perché non sono sicuri di ritrovarla uscite dal lavoro. Questo fenomeno mette in discussione il diritto alla mobilità sostenibile".

I ciclisti di Bologna puntano il dito contro i ladri di biciclette, ma anche e soprattutto contro chi acquista biciclette rubate. "I furti ci sono perché c'è una richiesta che alimenta il mercato illegale", osserva l'attivista di Salvaiciclisti, che ricorda che anche l'acquisto di biciclette rubate è un reato, il reato di ricettazione.
Il fenomeno, dunque, può essere contrastato in diversi modi. Da un lato occorre sensibilizzare i cittadini sul problema, invitandoli a non acquistare bici rubate.
Dall'altro occorre denunciare il furto della propria bicicletta. Questo è utile sia a dare una dimensione al fenomeno - che al momento non ha numeri ufficiali proprio perché le persone non denunciano poiché scettiche sul ritrovamento del proprio mezzo - sia ad esercitare pressione sulle forze dell'ordine e indurle ad intervenire.

A monte, però, c'è un'altra soluzione: la difesa. Per evitare di essere vittime di un furto di bici occorre sapere come legare bene il proprio mezzo. Sul canale Youtube di Salvaiciclisti Bologna c'è un video tutorial (guardalo qui sotto) che insegna come legare la bici in modo sicuro.
"Spesso vediamo in giro per la città alcuni cadaveri di biciclette a cui manca una ruota o a cui manca il telaio - osserva Larghetti - Ovviamente la colpa non può essere attribuita a chi non lega bene la propria bici, ma per evitare sorprese spiacevoli è meglio investire qualche euro in più per un buon antifurto e imparare a difendersi".

GUARDA IL VIDEO:


Ascolta l'intervista a Simona Larghetti

Ascolta Online


realizzato da Channelweb srl  /  progetto grafico Eddy Anselmi  /  P. IVA 00954970372

Questo sito web impiega cookie tecnici e di profilazione, proseguendo nella navigazione si acconsente al loro utilizzo close[ informazioni ]