Radio Città Fujiko

Milanesi brava gente? Balordi, sbirri e banditi con Radiografia nera

Vanloon: la vostra mezz'ora di storia


di Vanloon
Categorie: Storia
07-Milano-1958-Rapina-di-via-Osoppo-Conferenza-stampa-dei-dirigenti-della-Squadra-Mobile-di-Milano-il-questore-De-Rosa-con-una-delle-armi-sequestrate-ai-rapinatori-Archivi-Farabola-768x780.jpg

C’è stato un periodo in cui la malavita rispondeva ad un codice ben preciso: niente donne, niente bambini e niente poveracci. La questione riguardava solamente malviventi e poliziotti. Ma poi i banditi si sono trasformati in criminali e per i soldi e la cocaina sono diventati disposti a fare di tutto (Radiografia nera)

Radiografia nera è un bellissimo programma di Radio Popolare di Milano che, come recitano gli autori Matteo Liuzzi e Tommaso Bertelli, racconta la cronaca nera dal 1945 al 1976, gli anni in cui l’emittente milanese non esisteva e quindi non poteva raccontare. Da questo programma è nato un libro, Milanesi brava gente. Storie di nera a Milano, edito da Milieu nella sua collana “Banditi senza tempo”, dedicata proprio alla cronaca nera e a grandi storie di crimine. Matteo Liuzzi ce ne parla in questa puntata, portandoci in una Milano fatta di fughe, inseguimenti e rocambolesche rapine che, per l’appunto, noi non abbiamo potuto conoscere.

Approfondimenti


È la prima volta che Vanloon si occupa di crimine e di cronaca nera, per quanto su queste frequenze spesso avete spesso sentito parlare di giallo: i morti, i soldi in questa puntata però sono veri e sono stati ritrovati da Liuzzi e Bertelli spulciando fra le pagine di vecchi giornali. A questo link potete ascoltare i podcast di Radiografia nera. Da storici naturalmente non potevamo che metterci lo zampino: ascoltando e leggendo le storie dei due autori di Milano non potevamo che pensare ad uno storico, Danilo Montaldi, che il mondo della “leggera”, la piccola criminalità lombarda fatta di sbandati e proletari, ha ritratto quando stava scomparendo. Il testo Autobiografie della leggera. Emarginati, balordi e ribelli raccontano le loro storie di confine (che potete leggere qui) è un caposaldo non solo del racconto di questa parte degli anni Cinquanta italiani, ma anche della nostra storia orale e di quelli che sarebbero poi diventati i “subalternal studies”. A questa originale figura di storico e militante di base la rivista «Parole chiave» ha dedicato il numero 38 del 2007.

Jukebox
La colonna sonora di questa puntata si è costruita quasi da sé: parlando di crimini, polizia e fughe non potevamo che farvi ascoltare i Calibro 35, che della ripresa di quelle atmosfere hanno fatto un marchio. Di seguito il viaggio fra i loro dischi che vi abbiamo proposto Notte in Bovisa, da “Calibro 35” (2008); Milano odia, la polizia non può sparare e Convergere in Giambellino da “Ritornano quelli di… Calibro 35” (2010) e Faster faster! da “Decade” (2018).

Ascolta la puntata Milanesi brava gente? Balordi, sbirri e banditi con Radiografia nera

Vanloon è un programma di storia in onda ogni sabato alle 14. In mezz’ora racconta un “pezzo” di passato per far emergere lo spirito di una stagione, un modo di pensare, un punto di vista inedito. Naviga per lo più nei mari della storia contemporanea e del Novecento ed esplora in particolare la storia della conflittualità sociale, dei movimenti, delle controculture, delle donne e del lavoro, l’antifascismo, le storie di vita e la storiografia contemporanea.

(La copertina di questa settimana è tratta da qui)

Ascolta Online


realizzato da Channelweb srl  /  progetto grafico Eddy Anselmi  /  P. IVA 00954970372

Questo sito web impiega cookie tecnici e di profilazione, proseguendo nella navigazione si acconsente al loro utilizzo close[ informazioni ]