Radio Città Fujiko»Notizie

Marzabotto, l'indelebile memoria della Resistenza

Le iniziative in programma a Marzabotto per celebrare il 70° anniversario della Liberazione.


di redazione
Categorie: Storia
IMG-20150409-WA0002_resized.jpg

Luoghi simbolo per eccellenza della lotta partigiana, Marzabotto e Monte Sole si apprestano a celebrare il 70° anniversario della Liberazione dal nazifascismo. Tanti gli ospiti presenti per onorare la Resistenza e rendere omaggio ai caduti. Prevista anche la visita di Matteo Renzi. La vicesindaco Valentina Cuppi: "speriamo sia utile perché si ricordi i valori della Costituzione".

Nel 70° anniversario della Liberazione, a Monte Sole, Marzabotto, e nei territori limitrofi le celebrazioni assumono una valenza particolare. Pochi luoghi, infatti, possono testimoniare con la stessa intensità quella che fu la barbarie nazista. Le giornate del 25 e 26 aprile saranno ricche di iniziative per ricordare la Resistenza, anche attraverso i contributi di vari rappresentanti di resistenze a livello internazionale. Prima ancora, mercoledì 22 aprile, sarà la volta della visita del premier Matteo Renzi: "Chiaramente siamo felici che cariche dello stato vengano a onorare i nostri caduti - afferma Valentina Cuppi, vicensindaco di Marzabotto - ma coglieremo l'occasione per presentare una serie di richieste al Presidente del consiglio, in primis quella di venire a visitare la chiesa di Casaglia che è patrimonio dell'Unesco ma sta cadendo a pezzi". Cuppi non risparmia poi una frecciata a Renzi: "Verrà anche a visitare la tomba di don Dossetti e speriamo che questa visita gli ricordi quali sono i valori contenuti nella Costituzione".

Già a partire dalla serata di venerdì 24 aprile (alle 20.30) sarà possibile unirsi alla fiaccolata a Grizzana Morandi. Sabato 25 aprile, alle 9.30, si terrà a Marzabotto la cerimonia solenne con deposizione delle corone nel Sacrario dei Caduti. Si proseguirà poi per Monte Sole, dove alle 10.30 si svolgerà la funzione religiosa della "Piccola famiglia dell'Annunziata". Interverranno poi Valter Cardi, presidente del Comitato Onoranze Caduti di Marzabotto e il sindaco Romano Franchi. Dalle 11 si susseguiranno le orazioni di Renato Accorinti, sindaco di Messina, Franco Fontana, staffetta partigiana della Brigata Stella Rossa, Naceur Mestiri, ambasciatore della Tunisia, e Stefano Bonaccini, presidente della Regione Emilia Romagna. Sarà poi la volta de "Lo Stato Sociale", che dedicherà a Monte Sole lo spettacolo di parole e musica "Quel che siamo".

Il programma prevede inoltre musica, spettacoli, e l'installazione di Gocce di Memoria: "È questo il fiore del Partigiano...sono mille papaveri rossi". Si prosegue poi con la mostra della Brigata Stella Rossa, concerti e visita guidata al Memoriale e del Sentiero Partigiano fino al cippo della Brigata Stella Rossa di Monte Sole. Interverranno Adelmo Cervi, Luisa Morgantini, e le voci degli attivisti della resistenza curda in Iraq, Siria e Turchia.

Le celebrazioni proseguiranno domenica 26 aprile con visite guidate a cura della Scuola di Pace e il concerto "BELLA CIAO": a distanza di 50 anni viene riallestito lo spettacolo più importante del folk revival italiano, con Riccardo Tesi, Ginevra di Marco ed altri presso il Centro Visite "Il Poggiolo". La manifestazione si chiuderà alle 20 presso il Sacrario di Marzabotto con "La gioia di essere donna e di essere uomo", parole di Arrigo Chieregatti e musiche del Coro Farthan.


Ascolta l'intervista a Valentina Cuppi

Ascolta Online


realizzato da Channelweb srl  /  progetto grafico Eddy Anselmi  /  P. IVA 00954970372

Questo sito web impiega cookie tecnici e di profilazione, proseguendo nella navigazione si acconsente al loro utilizzo close[ informazioni ]