Radio Città Fujiko»Notizie

Manovra: Anche il Comitato dell'Acqua si mobilita


di Alessandro Canella
AcquaPubblica.jpg

I vincitori del referendum sull'acqua pubblica del 12 e 13 giugno annunciano mobilitazioni per scongiurare la norma che privatizza i servizi pubblici locali inserita nella manovra.

Si è gustato la vittoria referendaria, ma non ha mai abbassato la guardia. Così il comitato "Acqua Bene Comune" torna a mobilitarsi contro la manovra economica che, a distanza di appena due mesi, vorrebbe tradire il responso delle urne.

Ai nostri microfoni Andrea Caselli, referente regionale dei promotori referendari, spiega che i comitati non si sono mai sciolti, perché dopo la vittoria elettorale c'era da lottare per la sua attuazione completa. Nell'estate, però, è sopraggiunta la manovra del governo che di punto in bianco e senza nemmeno la decenza di camuffarlo, ha reintrodotto le misure del Decreto Ronchi, abrogato dai quesiti referendari.
All'articolo 4 della Finanziaria, infatti, il governo ha inserito una norma che obbliga a privatizzare i servizi pubblici locali.
Misura che non è passata inosservata e che ha portato il movimento per l'acqua pubblica ad unirsi allo sciopero generale di martedì 6 settembre e a prevedere una serie di iniziative, locali e nazionali, per chiedere che il provvedimento venga ritirato.
Non solo. "Se questa mobilitazione non dovesse bastare - spiega Caselli - siamo pronti ad impugnare la misura davanti alla Corte Costituzionale, dal momento che il responso referendario viene clamorosamente disatteso senza vergogna".


Ascolta l'intervista ad Andrea Caselli

Ascolta Online


realizzato da Channelweb srl  /  progetto grafico Eddy Anselmi  /  P. IVA 00954970372

Questo sito web impiega cookie tecnici e di profilazione, proseguendo nella navigazione si acconsente al loro utilizzo close[ informazioni ]