Radio Città Fujiko»Musica

"Liuteria en Cuba", un progetto pratico di solidarietà


di redazione musicale
1447651250_12238230_179593129050895_6893119500667301892_o.jpg

Ecco l'intervista di Calipso a Mauro Collina, presidente dell'associazione "La Villetta" Bologna, alla liutaia bolognese Ezia di Labio e al violoncellista Giovanni Sollima sul progetto "Liuteria en Cuba" e sul concerto di beneficienza di stasera al Teatro Cinema Orione di via Cimabue 14, alle 21.

Nato da un'idea della liutaia Ezia di Labio , allieva della scuola bolognese di Otello Bignami e che da 35 anni realizza e restaura strumenti ad arco, il progetto sociale "Liuteria en Cuba" ha come scopo non solo quello di creare un corso di specializzazione per i liutai del "Taller de Lutheria de la Oficina del Historiador de la Ciutad de la Habana", ma anche quello di fornire materiale e basi per costruire e poi vendere degli strumenti ad arco di qualità.

"Sono stata a L'Avana, a maggio di quest'anno, ed ho avuto l'opportunità di visitare il laboratorio della liuteria. Qui lavorano quattro ragazzi guidati da un giovane liutaio che ha fatto un corso di liuteria a Cremona e che ora è lì ed insegna a questi ragazzi. Sono tutti giovani, bravi, volenterosi, con una grande manualità e una grande predisposizione per la musica. Loro si occupano principalmente della manutenzione degli strumenti ad arco che vengono utilizzati nelle scuole dai ragazzi. Quindi diciamo che c'è una grande buona volontà ma una mancanza di esperienza e di materiali. Penso che sia corretto poter dare ai ragazzi liutai la possibilità di costruire degli oggetti di qualità e ai ragazzi che suonano, invece, di poter utilizzare degli strumenti di alta liuteria." L'idea non è solo quella di istruire per creare, ma anche quella di mettere le radici per un mercato internazionale. Gli strumenti destinati, invece, agli studenti di Cuba verranno tutti donati.

Ad aiutarla, ci sarà l'esperienza di una associazione che da anni lavora con Cuba tramite gemellaggi internazionali: "La Villetta" di Bologna di Mauro Collina. Lo scopo principale dell'associazione è quello di fornire materiale medico-sanitario e didattico alle scuole cubane, tra le quali sono comprese anche scuole d'arte. Ecco perché Collina ha sposato immediatamente l'idea di Ezia.

"Sono anni che ci occupiamo di progetti simili. Il progetto di Ezia nasce perché abbiamo già adottato nella provincia di Artemisia, a L'Avana, due scuole di musica. Quindi quando Ezia ci ha parlato del suo progetto, noi siamo stati ben felici di ragionarci. Devo dire che abbiamo fatto molto in fretta perché il progetto è molto bello. L'associazione fa da sponda. Abbiamo costruito i rapporti con il comune, con l'ambasciata e con l'addetto culturale."

Cuba è un ricettacolo di sperimentazioni sonore e di talenti incredibili. La stessa cultura è nata basandosi sulle influenze musicali che l'hanno invasa sin dai suoi esordi e, a sua volta, ha travisato parte della musica occidentale, basti pensare all'habanera del famosissimo brano "L'amour est un oiseau rebelle" tratto dalla Carmen di Bizet, o, come ha detto Giovanni Sollima , al fatto che "Cuba è un crocevia di linguaggi. Penso anche alla musica europea che si è creata grazie alla musica latina, come ad esempio la ciaccona." Il violoncellista, tra i più virtuosi della sua epoca e vero e proprio sperimentatore a livello etnomusicologico, è forse la scelta più azzeccata per promuovere questa solidarietà musicale. Ezia, ci tiene a precisare, è felicissima della partecipazione di Sollima, quest'ultimo entusiasta principalmente per il fatto che quello di "Liuteria en Cuba" è un progetto "pratico, importantissimo e necessario."

Sollima, parlando del concerto di stasera, premette che si farà guidare dall'istinto e che quindi l'esecuzione sarà una sorpresa per tutti, lui compreso. Tra le certezze, c'è quella dello strumento che verrà utilizzato: un violoncello realizzato da Ezia di Labio e decorato da Giosetta Fioroni per la collezione "Violino d'Autore". "I suoi strumenti sono bellissimi, sono pieni di colori. Trovi il racconto. È questa cosa che mi ha affascinato moltissimo. Ezia ha questa sensibilità che aggiunge non poco alla sua arte. Suonerò uno strumento davvero straordinario. Suonarlo è un piacere perché ti racconta qualcosa. Tra l'altro ha anche un bellissimo suono."

Tutto il ricavato di stasera sarà devoluto in beneficienza e soprattutto per comprare i materiali necessari per la realizzazione di strumenti ad arco a Cuba. A fine concerto, ci sarà, presso la nuova Casa Del Popolo 20 Pietre, un rinfresco offerto dalla cantina di Zaccagnini, vignaiolo d'Abruzzo.

Ilaria Ballerini

(Qui sotto il link per poter ascoltare l'intervista completa)


L'intervista a Ezia di Labio e Mauro Collina

L'intervista a Giovanni Sollima

Ascolta Online


realizzato da Channelweb srl  /  progetto grafico Eddy Anselmi  /  P. IVA 00954970372

Questo sito web impiega cookie tecnici e di profilazione, proseguendo nella navigazione si acconsente al loro utilizzo close[ informazioni ]