Radio Città Fujiko»Notizie

Liste Pdl. Carraro: "Se eletto sarò qui una volta a settimana"

Presentate le liste del Pdl. Spiccano i nomi di Carraro, Bernini e Brambilla


di redazione
Categorie: Politica
203639568-563681b3-2f26-4b22-a548-b78b85092992.jpg

Questa mattina a Bologna presentate le liste Pdl per Camera e Senato. Al senato, dopo il capolista Berlusconi, Annamaria Bernini, Carlo Giovanardi e Franco Carraro. Quest'ultimo si è difeso dalle accuse di essere un paracadutato e di avere condannato il Bologna FC alla serie B nel 2005.

Molti i temi affrontati stamattina nel corso della presentazione delle liste del Popolo della libertà per Camera e Senato. E' stato lo stesso Filippo Berselli, coordinatore regionale del partito, a difendere Franco Carraro, 4° in lista al Senato. L'ex Figc era stato accusato di essere un paracadutato e di aver condannato nel 2005 il Bologna FC alla retrocessione in B. Berselli ha ribadito che, nello spareggio col Parma, che condannò i felsinei alla serie cadetta, il Bologna meritò la retrocessione. Nessun interessamento particolare di Carraro, insomma.

Carraro, già sindaco di Roma, ha poi affermato che, per quanto non residente a Bologna, se eletto sarà in Emilia-Romagna almeno una volta a settimana. Il candidato del Pdl, ha inoltre manifestato l'intenzione di aprirsi ai social network in modo da poter avere un dialogo costante con gli elettori. "Il fatto di risiedere a Roma" ha concluso Carraro, "mi permetterà di essere presente in aula e nelle commissioni del Senato".

Ribadita da Berselli l'equivalenza tra Monti e Bersani, che avrebbero, a suo dire, già pronto un accordo segreto per governare insieme dopo le elezioni, è stata la volta di Annamaria Bernini. Per l'ex candidata alla Regione Emilia-Romagna, "se un anno fa eravamo sull'orlo del baratro, con Monti ci siamo caduti dentro".


"Abbiamo sfiduciato Monti" ha continuato la Bernini, "perchè si è mostrato sordo o disattento alle nostre proposte. L'avevamo sostenuto perchè non avevamo alternative". Per la candidata al Senato, è necessario abbassare drasticamente la spesa pubblica e la pressione fiscale.

A margine della presentazione Annamaria Bernini ha risposto duramente a quelle che sono, a suo dire, "strumentalizzazioni vergognose delle dichiarazioni fatte ieri da Berlusconi su Mussolini". "Berlusconi ha dimostrato nei fatti di essere amico di Israele" ha detto la candidata Pdl, attaccando soprattutto Ingroia, che avrebbe nelle sue liste esponenti di "Rifondazione Comunista che hanno marciato bruciando le bandiere di Israele e degli Stati Uniti, inneggiando ad Ahmadinejad e all'antisemitismo".

Francesco Ditaranto


Ascolta l'intervista ad Annamaria Bernini, candidata Pdl al Senato

Ascolta l'intervista a Franco Carraro, candidato al Senato per il Pdl

Ascolta Online


realizzato da Channelweb srl  /  progetto grafico Eddy Anselmi  /  P. IVA 00954970372

Questo sito web impiega cookie tecnici e di profilazione, proseguendo nella navigazione si acconsente al loro utilizzo close[ informazioni ]