Radio Città Fujiko»LastMinute

Lastminute venerdì 22 marzo

Lastminute, la rubrica quotidiana di Radio Città Fujiko dedicata agli appuntamenti musicali, culturali e cinematografici della città


di redazione musicale
LastMinute_livebo.jpg

In onda da lunedì a venerdì dalle 18.40 e il sabato alle 12.50 per un costante aggiornamento sugli eventi previsti a Bologna.

Last Minute è realizzato in collaborazione con LiveBo.it, il nuovo portale di eventi e cultura a Bologna. 

Gli appuntamenti da non perdere previsti per venerdì 22 marzo:


Musica

Galleria ONO(via Santa Margherita 10)- A partire dalle 18.30 Fujiko All Star, Happy Hour Fm. I DJs di Radio Città Fujiko si alterneranno in console a partire dalle 18.30, per un aperitivo musicale insieme a  Background Music Shop. Una  con aperitivo in cui 8 djs della Radio daranno vita a un "All star game della musica", per ascoltare le nostre migliori selezioni dal vivo. (Per maggiori info cliccare qui)

Candy Bar (Via del Pratello, 96/e) - Alle 22.00 LIVE VERDIANA RAW (Goth). Il progetto si basa sulla voce e il piano di Verdiana Raw, coadiuvata dalla chitarra (delicata ma intensa) di Antonio Bacchi e dalle percussioni (medievaleggianti e rarefatte) da Fabio Chiari.

Lab 16 (Via Zamboni, 16/d)-   ESN Erasmus Party! una bella serata disco con ENTRATA TOTALMENTE GRATUITA!!! Con tanta bella musica e la solita allegria che ESN sa darvi!! Ci sarà musica anni '80, '90 e tutte le hit del momento con il DJ SET di AimoxDj! Sempre grazie alla vostra ESN CARD ci sono sconti su tutti i drink per tutta la notte: BIRRA 0,3 – 3€ BIRRA 0,5 – 4€ COCKTAIL – 5€ PESTATI E LONG DRINK CON RISERVE – 6€ BIBITE ANALCOLICHE - 3€ Tutto lo staff di ESN vi aspetta per trascorrere un'altra splendida serata insieme!!! In più, lasciando con soli 2€ la giacca nel guardaroba e mostrando la vostra ESN CARD, riceverete uno SHOT GRATIS (entro mezzanotte)!

Covo Club (Viale Zagabria, 1) -  Live di NEWGLADS e a seguire afterparty Cool Britannia tutti i migliori sound d’oltremanica, con un occhio di riguardo per gli anni 90. 

Cantina Bentivoglio  (Via Mascarella, 4/b)BORDER LIVE SNAPPY JAZZ AT WEEKEND SUGAR PIE & THE CANDYMEN.  Giorgia”Sugarpie” Ciavatta voce, Jacopo Delfini gipsy guitar, Renato Podestà guitar, Roberto Lupo drums,  Dean Zucchero c.basso. 

Bravo Caffè (Via Mascarella, 1) - GROOVE CITY FEAT. SABRINA KABUA. 

Arterìa  (Vicolo Broglio, 1/e) - Alle  22 Live di CROMATICA PISTONA (swing) Direttamente da Madrid una band che ama spaziare dal jazz swingato alle atmosfere tropicali. Dal vivo affiancano standard jazz a diversi stili quali bolero, ska, funk, soul, samba e passo double. A cavallo tra il caldo stile di New Orleans e vecchie orchestrine ska giamaicane. 

Caos Rock Club (Via Francesco Zanardi, 84/3) - Dalle 22.00 live dei Saints Trade. A seguire djset Gianni Manson. 

Estragon (Via Stalingrado 83) - Dalle 22.30 live dei Motel Connection. Dopo il grande successo del Vertical Stage tornano i torinesi Motel Connection, il trio che riunisce Samuel, inconfondibile voce dei Subsonica, il dj e produttore Pisti e Pierfunk, primo bassista dei Subsonica il cui nome ne svela già lo spirito funky, sono pronti a ripartire in tour dal 28 febbraio. Costo del biglietto 10 Euro.

bardamù (Via Roma 12/a - Calderara di Reno) - Dalle 22.30 djset di Girlfriend in a coma (Indie). 

Locomotive Club (Via Sebastiano Serlio 25/2)-  Dalle 22.00 GODFLESH + BOLOGNA VIOLENTA + NERO DI MARTE live, a seguire MORTE A 33 GIRI w/ SATURA dj + dj SHERIFFO + MISS VACUI dj.  Ingresso 20 euro, 

Laboratorio Crash  (Via della Cooperazione 10)- SKA FESTIVAL BOLOGNA presenta:
-COMBAT ROCK Festival: alle 20.30 presentazione del libro "Cockney è bello" con l'autore Alex Alesi°. A seguire live di THE TROJANS (Gaelic Ska from London-UK), GANG (La storica Combat folk rock band italiana), Bologna Ska Jazz Ensemble (Ska reggae from Bologna). A seguire aftershow djset by GORAK (ska/rocksteady/combat rock). 


Eventi

laFeltrinelli International (Via Zamboni, 7) - Alle 18.00 presentazione di IL CONDOTTIERO ETRUSCO CHE CONQUISTO' ROMA. Gerardo Lonardoni con Vibenna. Una saga etrusca (Bietti) ci riporta indietro al VI secolo a.C. I fratelli Aulus e Caelius Vibenna, sono alla ricerca di un misterioso personaggio chiamato Macstarna, insieme a un giovane indovino errante che ha vaticinato l’avvento di un eroe in grado di mutare le sorti della penisola italica. L’etrusco Macstarna, ignaro del destino che lo attende, viene così messo a capo di un possente esercito che si appresta a marciare su Roma. Interviene Tiziana Asirelli.
Eight Cafè (via delle Querce 1/C, Anzola dell'Emilia)- Cena con musica e spettacolo dal vivo con Slegare Tobia. 


Teatro

Teatro delle Moline (Via delle Moline 1) -  Dal 20 al 24 marzo, alle 21.15, va in scena Barnum di e con Elena Bucci - al pianoforte Dimitri Sillato. Barnum è il circo nel quale viviamo e ci esibiamo, attraverso numeri studiati o improvvisati: la vertiginosa sequenza dei salti mortali che vanno dalla nascita all’adolescenza alla maturità, passando per le capriole dell’innamoramento e il passaggio nel cerchio di fuoco delle relazioni, la clownerie involontaria di fronte ai mutamenti veloci del nostro tempo, l’ammaestramento paziente di noi stessi per giungere a uno spettacolo di divertita e divertente armonia. Barnum è anche la dichiarazione d’amore di Elena Bucci, fondatrice assieme a Marco Sgrosso della compagnia Le belle bandiere, ai propri maestri, a tutto il mondo, nonché il luogo dove poter parlare compiutamente la propria lingua mista, fatta di parole, suoni inventati, canto e danza. (Per ulteriori info e costi cliccare qui ).

Teatro Arena del Sole (Via dell'Indipendenza, 44)- Alle 21.00 va in scena SIAMOSOLONOI, drammaturgia Marco Andreoli, con Michele Riondino, Maria Sole Mansutti, per la regia di Circo Bordeaux. Michele Riondino, uno degli attori più interessanti degli ultimi anni, venuto alla ribalta televisiva come protagonista nella serie televisiva Il giovane Montalbano, interpreta la storia dell’amore patologico, possessivo, infantile che unisce Savino e Ada, impegnati in un confronto che è una lotta amorosa, al tempo stesso spietata e dolcissima. Costruita facendo riferimento alla “teoria dei giochi”, che analizza le situazioni di conflitto, la pièce si svolge in una cucina, teatro di duelli e vendette, conquiste e sconfitte, in un alternarsi di leggerezza, malinconia e inquietudine. Ad affiancare Riondino sulla scena Maria Sole Mansutti, giovane e intensa attrice teatrale che si è affermata in ruoli cinematografici e televisivi. (Per ulteriori info sulla programmazione e i costi cliccare qui)

Teatro Duse  (Via Cartolerie, 42)- Alle 21.00 va in scena, Gli uomini vengono da Marte, le donne da Venere, dal best sellers di John Gray, messa in scena di Paul Dewandre, con Paolo Migone. Una cosa è certa, gli uomini e le donne vivono su due pianeti diversi e tutti si sono già scontrati e irritati per i comportamenti incomprensibili dell'altro sesso. Le ragioni? Si pensa troppo spesso che l'altro funzioni come noi, dimenticando che è fondamentalmente diverso. L'originalità dello spettacolo sta proprio nel mettere a nudo le principali differenze tra uomo e donna prendendo spunto dalle situazioni più comuni e dai piccoli scontri quotidiani fino a comprendere come queste differenze possano diventare fonte di complicità e non di conflitto.  (Per info sui costi e programmazione cliccare qui ).

Teatro Dehon (Via Libia 59)- Dal 22 al 24 marzo, alle 21.00 va in scena il DON GIOVANNI di Molière, per la regia Alberto Di Stasio. Quest'opera di Molière suscitò un grande scandalo negli ambienti ecclesiastici, per i quali il Don Giovanni costituiva un'inaccettabile apologia del libertinismo. A ciò si aggiungeva la presenza di un personaggio come Sganarelle, il servitore, che appariva come un personaggio superstizioso oltre che irriverente (in particolare per la sua battuta finale in cui egli, di fronte al castigo del padrone non fa altro che reclamare la sua paga).(Per ulteriori info sulla programmazione e i costi cliccare qui)

Cinema

Cinema Lumière 

  • Sala Officinema/Mastroianni

- Ore 18.00: proiezione di NOTTE E NEBBIA DEL GIAPPONE (Nihon no yoru to kiri, Giappone/1960) di Nagisa Oshima (107').  È una diagnosi in forma filmica. La diagnosi, anzi, l'anamnesi di un paese e della sua storia recente, legata al patto di sicurezza militare nippo-americano che apre gli anni Sessanta. È un film politico, che mette in primo piano la carica rivoluzionaria di Oshima. Si apre con una scena di matrimonio tra un militante, studente negli anni Cinquanta, ora ricercato dalla polizia, e una studentessa di dieci anni più giovane. Film dialettico e corale: tutti gli invitati partecipano ad una specie di analisi politica collettiva. Per i giovani rivoluzionari la 'vecchia' sinistra ha ormai fatto il suo tempo. (Per info sulla programmazione cliccare qui). 

- Ore 20.00: proiezione di RACCONTO CRUDELE DELLA GIOVINEZZA (Seishun zankoku monogatari, Giappone/1960) di Nagisa Oshima (100'). Il valore di questo film è insindacabile, indiscutibile. Togliete il saluto a chi sosterrà il contrario. Il suo impatto è stato simile se non addirittura maggiore di quello di À bout de souffle di Jean-Luc Godard. È un film che tutti dovrebbero aver visto almeno una volta nella loro vita. È un film che mostra in ogni inquadratura la rabbia di un uomo e di come questa rabbia si rispecchi perfettamente in quella dei due giovani protagonisti. È un film rabbioso, sarcastico, distruttore, abbagliante. È una vertigine cromatica in cinemascope, formato adatto per i filmare i funerali, certo, ma del cinema di papà. Capolavoro. (Per info sulla programmazione cliccare qui).

- Ore 22.00: proiezione di FURYO – MERRY CHRISTMAS MR. LAWRENCE (GB-Giappone/1983) di Nagisa Oshima (124') Ci sono David Bowie, Tom Conti, Takeshi Kitano e Ryuichi Sakamoto... il casting sembra surreale. Invece no, il film esiste ed è magnifico. Prodotto da Jeremy Thomas è l'ennesima produzione internazionale di Oshima. Giava 1942. In un campo di prigionieri di guerra la tensione sale a causa di una sentenza di condanna a morte tramite hara-kiri comminata a una guardia coreana accusata di aver violentato un prigioniero olandese. Questo atto di violenza è come spesso in Oshima una cruciale forma di incontro, in grado di svelare, far emergere attriti, desideri, ricordi sepolti. (Per info sulla programmazione cliccare qui).

  • Sala Scorsese

Ore 18.00/22.30: proiezione di GLI AMANTI PASSEGGERI (Los amantes pasajeros, Spagna/2013) di Pedro Almódovar (90'). E che siano di buon augurio i cammei delle star lanciate da Pedro Almodóvar, da Penélope Cruz ad Antonio Banderas, per Hugo Silva, Miguel Ángel Silvestre e Blanca Suárez, popolarissimi in patria e qui in cerca di un'affermazione di respiro europeo. Un Almodóvar che chiude tutti in un aereo, ribaltando i contorni di una tra le più classiche location 'catastrofiche', per un ritorno alla commedia in stile Donne sull'orlo di una crisi di nervi, dopo l'algido melodramma La pelle che abito. (Per info sulle programmazione cliccare qui)

Ascolta Online


realizzato da Channelweb srl  /  progetto grafico Eddy Anselmi  /  P. IVA 00954970372

Questo sito web impiega cookie tecnici e di profilazione, proseguendo nella navigazione si acconsente al loro utilizzo close[ informazioni ]