Radio Città Fujiko»LastMinute

A Bologna il Nerd Show, il paradiso di "smanettoni" e non solo

Il 10 e 11 febbraio a Bologna il festival del videogioco e del fumetto.


di redazione
Videogiochi3_preview.jpeg

A BolognaFiere, il 10 e 11 febbraio, arriva Nerd Show, il festival del videogioco, del fumetto e della cultura pop al tempo dei social. Ospiti molti youtubers e web star. Iniziative per grandi e piccini, non solo "smanettoni".

Dopo il successo delle due scorse edizioni a Modena, che hanno riscontrato un notevole successo, la fiera Nerd Show viene portata quest'anno a Bologna. Città prevalentemente popolata da giovani, ma mancante di fiere dedicate ad essi.
Allestita a BolognaFiere, il Nerd Show si svolgerà il 10 e 11 febbraio.

Tra gli ospiti noti volti televisivi per ragazzi, quali Giovanni Mucciaccia (presentatore di Art Attack negli anni 90), noti youtuber italiani come Lorenzo Ostuni (alias Favij), I Mates, La SabriGamer, Sabaku no Maiku, Player Inside e molti altri. Specialisti nelle animazioni e artisti del fumetto come Kim Jun Gi, Sio,  Michela cacciatore. Fino a Salvatore Aranzulla, il maggior informatore informatico presente sul web.

Al Nerd Show troveranno inoltre spazio sfilate di cosplayer, tra cui alcuni membri di competizione nazionale, saranno presenti mercatini con pezzi da collezione, videogame, libri e fumetti, oltre la possibilità di poter incontrare concept artist a cui i giovani sviluppatori di video game, o giovani promesse artistiche del fumetto, potranno parlare e mostrare i loro lavori.

1000 metri quadri di fiera dove saranno presenti oltre 300 postazioni di videogames: retrò games, Free to play online (con possibili tornei), nuove uscite e l'immancabile realtà virtuale.
La fiera non sarà solo un momento di intrattenimento ma anche di condivisione tra gli appassionati di vari settori di diverse età.

"Usiamo il termine Nerd - spiegano gli organizzatori - non col significato che la parola aveva una decina di anni fa, che evocava solitudine e inadeguatezza sociale; ma passione per argomenti non popolari quali fumetti, un certo tipo di letteratura e videogames".

Alfredo Tomesani

ASCOLTA LE INTERVISTE AGLI ORGANIZZATORI:


Ora in onda

Salvate i mobili è una vecchia espressione usata durante l'alluvione del Polesine. Qui si salvano i vinili e la musica analogica dall'alluvione digitale.

Ascolta Online


realizzato da Channelweb srl  /  progetto grafico Eddy Anselmi  /  P. IVA 00954970372

Questo sito web impiega cookie tecnici e di profilazione, proseguendo nella navigazione si acconsente al loro utilizzo close[ informazioni ]