Radio Città Fujiko»Notizie

Làbas racconta la "carica preventiva" della celere

L'azione delle forze dell'ordine per tutelare l'incontro di neofascisti.


di Alessandro Canella
Categorie: Movimento
Labas.jpg

Operazione verità, oggi in conferenza stampa, da parte degli attivisti di Làbas caricati a freddo quasi dentro al centro sociale. Poco distante si teneva un incontro di neofascisti e le forze dell'ordine hanno "giocato" d'attacco, isolando la via e caricando le persone al mercato. 7 i feriti. "Un'aggressione grave".

Non ci stanno le attiviste e gli attivisti di Làbas a leggere sui giornali quanto accaduto ieri pomeriggio come uno scontro tra polizia ed antagonisti. Quello che è successo, invece, è una vera e propria aggressione da parte della celere, che ha caricato a freddo e quasi dentro gli spazi del centro sociale, dove si stava svolgendo il tradizionale mercato contadino, gli avventori, terrorizzando donne e bambini. L'obiettivo era impedire che la presentazione di un fumetto sul neofascista Ramelli, in programma poco distante, al Baraccano, venisse in qualche modo disturbata.

In una conferenza stampa gli attivisti del centro sociale, insieme agli avventori e ai produttori del mercato, descrivono quanto avvenuto. Via Orfeo era stata chiusa da camionette delle forze dell'ordine in entrambe le direzioni ed è stato vietato l'accesso o l'uscita, isolando di fatto il centro sociale. È stato allora che la celere ha caricato senza motivo, fin quasi dentro il cortile dove ha sede il centro sociale.
Il bilancio finale è stato di 7 persone refertate con lesioni su tutto il corpo e un braccio rotto.

"Pensiamo che quanto accaduto non riguardi solo Làbas o il Quartiere Santo Stefano - spiega ai nostri microfoni Francesca - ma è una cosa molto grave che riguarda tutta la città".
Il centro sociale, nei giorni scorsi, aveva criticato la scelta di concedere uno spazio pubblico come il Baraccano ai neofascisti e aveva fatto sapere che, nel caso l'iniziativa non fosse stata vietata, avrebbe cercato di impedirla. Prima, dopo e durante la carica di ieri sera, però, non era in atto alcuna contestazione.
La presentazione neofascista si è conclusa con un mini corteo dell'estrema destra, scortato dalla polizia.

ASCOLTA L'INTERVISTA A FRANCESCA:

Ascolta Online


realizzato da Channelweb srl  /  progetto grafico Eddy Anselmi  /  P. IVA 00954970372

Questo sito web impiega cookie tecnici e di profilazione, proseguendo nella navigazione si acconsente al loro utilizzo close[ informazioni ]