Radio Città Fujiko»Notizie

La solidarietà dei detenuti nei frutteti terremotati

Un progetto del Cefal impiega tre detenuti nelle campagne di Finale Emilia


di Alessandro Canella
IMG_2286.jpg

Volontari e detenuti insieme a raccogliere pere per raccogliere fondi in favore dell'Istituto Agrario "I. Calvi" di Finale Emilia. Il progetto del Cefal che fa bene ad agricoltura, istruzione e reinserimento sociale.

Sono tre i detenuti del carcere bolognese della Dozza che da ieri mattina stanno raccogliendo la frutta, in particolare pere, nelle campagne di Finale Emilia insieme ad altri volontari.
Il loro lavoro libererà risorse in favore dell'Istituto Agrario "I. Calvi", lesionato dai terremoti del 20 e 29 maggio scorsi.

Il progetto è stato pensato dal Cefal, che raccogliendo l'idea e il protocollo firmato dal Ministro della Giustizia e dall'Amministrazione penitenziaria, ha dato vita ad un'esperienza che ha molte virtù.
Innanzitutto l'aiuto concreto all'agricoltura, uno dei settori molti colpiti dal sisma. Quello che verrà risparmiato dal lavoro volontario dei detenuti sarà destinato alla ricostruzione della scuola, anche se a settembre le lezioni cominceranno dentro ai container.

"È una esperienza di solidarietà e al contempo di condivisione e di integrazione tra persone che unite da un sano spirito di aiuto disinteressato e gratuito testimoniano valori ad alto contenuto sociale e di cittadinanza serena e senza pregiudizi", osserva Giacomo Sarti, referente del progetto.
Esperienza che fa bene ai detenuti stessi: "Essere privati della libertà e non fare niente - spiega Sarti - non induce le persone a riallacciarsi con la realtà, mentre il lavoro e il volontariato aiutano le persone che hanno commesso degli sbagli ad imboccare una nuova strada".


Ascolta l'intervista a Giacomo Sarti

Ascolta Online


realizzato da Channelweb srl  /  progetto grafico Eddy Anselmi  /  P. IVA 00954970372

Questo sito web impiega cookie tecnici e di profilazione, proseguendo nella navigazione si acconsente al loro utilizzo close[ informazioni ]