Radio Città Fujiko»Notizie

La Cgil contro i T-Days: "Fatti alla rovescia"

L'intervista al segretario della Filt Cgil di Bologna Alberto Ballotti.


di Alessandro Canella
Categorie: Lavoro, Politica
TDays
centro pedonalizzato a Bologna

Alberto Ballotti, segretario della Filt-Cgil contesta le modalità con cui è stata organizzata la pedonalizzazione del centro: "Assurdo non far passare i mezzi pubblici, l'effetto è un aumento delle auto appena fuori dalle mura". E sul bando per la sosta: "Pronti allo sciopero se il Comune non cambia idea".

La pedonalizzazione del centro storico, i cosiddetti T-Days, continuano ad essere al centro delle polemiche. Questa volta non sono i commercianti a contestare la misura introdotta da Palazzo D'Accursio ma, con motivazioni diametralmente opposte, è la Cgil.
Dai nostri microfoni Alberto Ballotti afferma di trovare assurdo che, come invece avviene nel resto d'Europa, nel centro storico non vengano fatti circolare i mezzi pubblici, magari elettrici, durante le giornate di pedonalizzazione. "Ciò produce l'aumento delle auto verso il centro e la diminuzione dei passeggeri sui bus", spiega Ballotti.
"Portare i bus fuori dal centro durante i Tdays - insiste il segretario della Filt Cgil - è pura follia, è l'operazione opposta a quella che si dovrebbe fare". Ballotti precisa che a suo avviso la pedonalizzazione dovrebbe essere estesa, come sostiene il sindaco, e che il mezzo pubblico serve per rendere fruibile la mobilità pedonale.

La critica alla retorica della mobilità sostenibile non seguita dai fatti, per Ballotti, si può estendere anche ad altri servizi, come il Bike Sharing: "A Bologna abbiamo un sistema obsoleto, in cui il cittadino deve prendere una chiave come quelle medievali e muoversi su una bicicletta molto pesante che deve sempre riportare nello stesso posto. In tutta Europa, invece, ci sono carte elettroniche e biciclette leggere". Lo stesso, secondo il sindacalista, può dirsi per i biglietti, che grazie al formato elettronico non solo potrebbero ridurre i costi di emissione, ma anche aiutare a capire quanto funziona una determinata linea e riprogrammare il servizio.

Ballotti è intervenuto anche sulla questione del bando per il servizio della sosta, che vede contrapposti sindacati e Comune. I lavoratori dovevano scioperare domani, sabato 5 ottobre, ma lo sciopero è stato sospeso in attesa di un incontro in Prefettura lunedì prossimo. La Cgil, però, non demorde: "Se il Comune non cambia linea si procederà allo sciopero".
La questione riguarda il capitolato per l'affidamento del servizio, in cui vengono assegnati solo 3 punti a quelle aziende che rispettano il contratto di lavoro nazionale e quello integrativo. Una quota troppo piccola per il sindacato, che sottolinea come il sistema di appalti predisposto dal Comune generi una competizione al ribasso sulla pelle dei diritti e dei salari dei lavoratori.


Le parole di Alberto Ballotti su T-Days e mobilità sostenibile.

Le parole di Alberto Ballotti sulla vertenza per il bando della sosta.

Ascolta Online


realizzato da Channelweb srl  /  progetto grafico Eddy Anselmi  /  P. IVA 00954970372

Questo sito web impiega cookie tecnici e di profilazione, proseguendo nella navigazione si acconsente al loro utilizzo close[ informazioni ]