Radio Città Fujiko»Notizie

L'ora di religione nella scuola multiculturale

Il commento e le reazioni alle parole del Ministro Profumo sull'ora di religione


di Alessandro Canella
orareligione.jpg

Il Ministro dell'Istruzione Francesco Profumo vorrebbe una revisione di geografia e ora di religione nelle scuole sempre più multietniche. Le proteste dei cattolici. L'Uaar: "Parole di buonsenso, ma si tutelino anche atei ed agnostici".

Probabilmente oggi il Ministro dell'Istruzione Francesco Profumo sta guardando di nascosto l'effetto che fa. L'effetto alle parole pronunciate ieri a proposito della scuola, come si poteva prevedere, non si è fatto attendere, con gerarchie ecclesiastiche e sindacato degli insegnanti di religione che hanno protestato.
Prendendo atto della multietnicità che contraddistingue sempre più gli istituti educativi del nostro Paese, Profumo ha osservato che occorrerebbe adeguare anche la didattica alla nuova dimensione. In particolare, materie come geografia e religione dovrebbero tenere conto della presenza dei tanti studenti di origine straniera e dei loro credi religiosi.

"Profumo si è lasciato scappare parole di buon senso - osserva Roberto Grendene dell'Unione Atei e Agnostici Razionalisti di Bologna - In molti, anche nel mondo cattolico, sono convinti che, per come viene insegnata, l'ora di religione sia una materia arretrata".
L'Uaar vorrebbe semplicemente abolirla ma, restando coi piedi per terra, chiede che almeno venga garantita ovunque un'alternativa di qualità.
"Il Ministro dovrebbe anche sapere - afferma Grendene - che i cittadini atei e agnostici sono numericamente il doppio di tutte le minoranze religiose, ma troppo spesso sono quelli più discriminati".
Proprio sulle discriminazioni l'associazione laica ha vinto anche delle battaglie legali, in particolare contro quelle scuole che sparpagliavano in altre classi o nei corridoi i ragazzi che non si avvalevano dell'insegnamento della religione.
Puntare sull'ora alternativa, invece, arricchirebbe l'offerta formativa, anche con materie come la Costituzione o la Convenzione Internazionale sui Diritti dell'Infanzia.


Ascolta l'intervista a Roberto Grendene
Tags: Scuola, Religione

Ascolta Online


realizzato da Channelweb srl  /  progetto grafico Eddy Anselmi  /  P. IVA 00954970372

Questo sito web impiega cookie tecnici e di profilazione, proseguendo nella navigazione si acconsente al loro utilizzo close[ informazioni ]