Radio Città Fujiko»Notizie

Kyenge, Lo Giudice segnala Calderoli all'Unar

L'inziativa del senatore Pd contro le offese razziste di Roberto Calderoli al ministro Kyenge.


di Alessandro Canella
Categorie: Politica, Migranti
images?q=tbn:ANd9GcSIpKropK4WWLq2CurTkN6nnNJou_6O5El1s-IEeoibTfPTNludtw

Il senatore Pd invia una formale segnalazione all'Ufficio Nazionale Antidiscriminazioni Razziali sulle offese razziste rivolte dal vicepresidente del Senato Roberto Calderoli al ministro Cecile Kyenge. Lo Giudice: "Occorre presentare una mozione di sfiducia, ma Calderoli farebbe bene a dimettersi prima".

La misura delle continue offese rivolte da esponenti leghisti al ministro per l'Integrazione Cecile Kyenge è colma e così il senatore Pd Sergio Lo Giudice quest'oggi ha deciso di segnalare gli insulti del vicepresidente del Senato Roberto Calderoli all'Unar, l'Ufficio Nazionale Antidiscriminazioni Razziali.
"Ho ritenuto mio dovere segnalare questo episodio - afferma Lo Giudice - che, per la fonte istituzionale da cui proviene, assume una gravità eccezionale e rischia di essere elemento di sostegno e promozione di comportamenti fondati su un'idea di superiorità razziale e di discriminazioni sulla base delle origini etniche".

Calderoli aveva paragonato il ministro ad un orango, a causa delle sue origini congolesi. Prima di lui, diversi sono stati gli insulti di esponenti leghisti ai danni della Kyenge. Per le frasi rivolte al ministro, l'europarlamentare leghista Mario Borghezio è stato oggetto di un provvedimento di censura e dall'espulsione dal gruppo parlamentare.
"Nel nostro Paese - commenta Lo Giudice - c'è ancora chi pensa che insultare una persona con argomenti etnici sia lecito e divertente. Calderoli pensa che sia divertente, che sia un modo spiritoso per far ridere gli amici". Il senatore Pd, invece, sottolinea come questi comportamenti, adottati da rappresentanti delle Istituzioni, legittimino atti di violenza a sfondo razziale.

In rete, nella società civile e ora anche in alcuni settori politici, intanto si alza la voce di chi chiede le dimissioni di Calderoli.
"Io credo - sostiene Lo Giudice - che noi dovremmo presentare una mozione di sfiducia per chiedere a Calderoli di lasciare il suo ruolo".
Il senatore ricorda però che l'esponente leghista è vicepresidente del Senato, una carica a garanzia delle opposizioni, quindi le procedure per rimuoverlo sono delicate. "Sarebbe meglio - conclude l'esponente Pd - se Calderoli facesse un gesto di civiltà ammettendo di avere sbagliato, scusandosi senza il sorrisino sulle labbra come ha fatto ieri e dando le dimissioni".


Ascolta l'intervista al sen. Sergio Lo Giudice

Ascolta Online


realizzato da Channelweb srl  /  progetto grafico Eddy Anselmi  /  P. IVA 00954970372

Questo sito web impiega cookie tecnici e di profilazione, proseguendo nella navigazione si acconsente al loro utilizzo close[ informazioni ]