Radio Città Fujiko»Notizie

Ingroia a Bologna con Favia che attacca Grillo

Il leader di Rivoluzione Civile sotto le Due Torri: "Sono ancora partigiano della Costituzione".


di Alessandro Canella
Categorie: Politica
Ingroia
Antonio Ingroia (sulla destra) con il direttore di Radio Città Fujiko Alfredo Pasquali

Il leader di Rivoluzione Civile a Bologna insieme ai candidati. "Al centro la questione morale. Sono ancora partigiano della Costituzione". E il capolista Favia attacca frontalmente Grillo: "Parla a vanvera".

Sala gremita, ieri sera all'Hotel Europa, per il leader di Rivoluzione Civile Antonio Ingroia. Circa 500 cittadini sono andati ad ascoltare l'ex magistrato che presentava sotto le Due Torri la sua lista e i candidati dell'Emilia Romagna.
L'introduzione e la moderazione dell'incontro è toccata ad Alfredo Pasquali, che ha sottolineato le differenze dei diversi partiti attorno al concetto di "legalità" ed ha citato, tra gli applausi del pubblico, la notizia della carcerazione degli agenti condannati per l'omicidio colposo di Federico Aldrovandi.

Nel suo discorso Ingroia ha posto al centro la questione morale, ricordando il monito inascoltato di Enrico Berlinguer e offrendosi di dare voce ai cittadini stanchi dell'ingiustizia e dell'arroganza del potere.
"Ero e sono ancora un partigiano della Costituzione - ha detto Ingroia - così come è bene ricordare ogni tanto anche i partigiani che hanno permesso di arrivare alla Costituzione".
Ha poi risposto ad alcune questioni sollevate dalla cittadinanza, in particolare sul tema dei diritti civili. Ingroia si è detto favorevole all'introduzione del reato del tortura e a misure antiproibizionistiche.
Non sono mancate però le stoccate al Pd, in particolare sul caso Mps, mentre nessun accenno alla polemica con la Boccassini sulla memoria di Falcone, se non per lamentare il clamore dei media sul tema e il silenzio degli stessi sui contenuti espressi dalla lista.

Acceso l'intervento dell'ex grillino e capolista per Rivoluzione Civile Giovanni Favia, che ha attaccato in diverse occasioni Beppe Grillo. "Sul tema dell'economia il M5S ha idee confuse", ha detto Favia, che del suo ex leader ha detto: "Parla a vanvera".
Favia ha ricordato il referendum vinto sull'acqua pubblica come un esempio di partecipazione ed ha parlato di "emergenza democratica" per il fatto che resta disatteso.
Il consigliere regionale ha replicato anche alle accuse di Nichi Vendola, che aveva definito Rivoluzione Civile una "accozzaglia". Accuse respinte al mittente facendo leva sulle ambiguità del centrosinistra sull'articolo 18 e sul tema del lavoro.

A prendere la parola sono stati anche gli altri candidati emiliano-romagnoli della lista, che hanno posto l'accento su diversi temi a seconda della sensibilità e della provenienza di ciascuno. Il lavoro, l'ecologia, le grandi opere e il volontariato i principali argomenti affrontati.


Ascolta alcuni passaggi degli interventi di Antonio Ingroia e Giovanni Favia

Ascolta Online


realizzato da Channelweb srl  /  progetto grafico Eddy Anselmi  /  P. IVA 00954970372

Questo sito web impiega cookie tecnici e di profilazione, proseguendo nella navigazione si acconsente al loro utilizzo close[ informazioni ]