Radio Città Fujiko»Notizie

Ilva, Renzi vuole nazionalizzare a tempo

Pronto il piano del governo per risanare l'azienda siderurgica.


di redazione
Categorie: Ambiente, Lavoro, Economia
images_nuova_ilva-2.jpg

Il governo è pronto a risanare l'Ilva e nazionalizzarla termporaneamente, per poi venderla al miglior offerente. Per giungere a questo risultato l'esecutivo dovrebbe far scattare la legge Marzano, nella parte che riguarda le grandi aziende e scorporare l'azienda in una bad company e una newco. Tutta l'operazione avverrebbe in amministrazione straordinaria, dopo una sorta di fallimento pilotato.

"Lo Stato deve nazionalizzare l'Ilva, ma non a tempo determinato, per sempre. La Costituzione prevede questa possibilità." E' netta la posizione di Francesco Rizzo, delegato USB all'ILVA di Taranto, rispetto al nuovo piano del governo per salvare l'azienda.

In breve, l'esecutivo punta all'amministrazione straordinaria dopo aver fatto dichiarare fallimento all'azienda. A quel punto si agirebbe per decreto, e si farebbe scattare la legge dell'allora ministro dello sviluppo economico del governo Berlusconi, Marzano, nella parte in cui riguarda le aziende con molti dipendenti (più di 500) e altrettanti debiti (più di 300 milioni di euro). A quel punto, l'amministrazione straordinaria si muoverebbe sul principio della badcompany e della newco. Sarebbe impossibile, stando alle valutazioni del governo, vendere in questo momento ad un prezzo decente un'azienda che continua a perdere circa 25 milioni di euro al giorno. Scorporata l'azienda, con la bad company che si farebbe carico dei debiti e delle questioni giudiziarie, la nuova Ilva sarebbe in grado di attirare acquirenti.

Positiva la reazione di Usb che rivendica di aver chiesto per prima la nazionalizzazione dell'azienda e attacca la Fiom per il silenzio osservato sino a ora sulla questione. Usb si oppone però ad ogni ipotesi di intervento temporaneo dello Stato. "La proprietà -dice Francesco Rizzo- deve restare in mano pubblica per sempre." Per il delegato sindacale, infatti, non ci sono altri attori che possano garantire allo stesso tempo il risanamento e il rilancio dell'Ilva garantendo nel contempo diritto al lavoro e diritto alla salute.


Ascolta l'intervista a Francesco Rizzo

Ascolta Online


realizzato da Channelweb srl  /  progetto grafico Eddy Anselmi  /  P. IVA 00954970372

Questo sito web impiega cookie tecnici e di profilazione, proseguendo nella navigazione si acconsente al loro utilizzo close[ informazioni ]