Radio Città Fujiko»Notizie

Il racconto della Resistenza tra App, mostre fotografiche, libri e atlanti

I progetti dell'Istituto Parri in occasione del 70° anniversario della Liberazione.


di redazione
Categorie: Storia
Framing Ed Reep - Mostra.jpg

Un'esposizione fotografica di immagini inedite, nuovi volumi della collana storica "Diari e Memorie", un'applicazione per avere a portata di mano i percorsi regionali della Resistenza e un Atlante delle stragi naziste: sono alcune delle iniziative messe in campo dall'Istituto storico Parri in occasione del 70° anniversario della Liberazione.

"Oggi il rapporto con la storia è completamente diverso da 10 o 20 anni fa. Bisogna essere in grado di capire quale può essere il significato di conoscere quella storia, che deve essere problematizzata e riempita di significati attuali, leggibili ora". Con queste parole Luca Alessandrini, direttore dell'Istituto Parri, traccia il senso che deve essere attribuito alla memoria storica e al ricordo di questo 70° Anniversario della Liberazione dal nazifascismo. "Questo punto di frattura del ventesimo secolo che è stata la Seconda guerra mondiale e la Resistenza - il grande scontro epocale tra le ideologie fasciste e tutte le idee di democrazia molto diverse tra loro - è stato un fatto fondante del mondo, e quindi ha ancora senso tornare a riflettere su questo", spiega Alessandrini.

Diverse sono le iniziative che l'Istituto per la Storia e le Memorie del '900 Parri ha messo in campo per dare il proprio contributo alla celebrazione di questo importante anniversario. A partire dal fondo fotografico di Filippo D'Ajutolo, medico antifascista e fotografo. Membro del Partito d'Azione e di Giustizia e Libertà, D'Ajutolo ha fotografato Bologna bombardata, ma soprattutto il suo obbiettivo ha catturato, grazie alla complicità di un agente della polizia, i corpi degli antifascisti uccisi dai fascisti. Ha scattato queste fotografie clandestinamente, le ha sviluppate da solo, e ha composto un album che nel dopoguerra è stato dato alla Presidenza del Consiglio dei Ministri come prova dei crimini fascisti.

Sarà inoltre disponibile un'Applicazione - Resistenza mAPPe - che permetterà a chiunque di farsi un'idea dei percorsi della Resistenza e della guerra in Emilia Romagna, in particolare in relazione alla Linea Gotica attestatasi sulla dorsale appenninica tra il settembre '44 e l'aprile '45. Verrà invece presentato oggi l'Atlante nazionale delle stragi naziste in Italia. "Tutti ricordano quella di Monte Sole, ma sono tantissime la stragi compiute in Italia dai nazisti - sottolinea Alessandrini - E sono studiabili grazie all'apertura dell'armadio della vergogna, con la riscoperta di fascicoli processuali che erano stati insabbiati". Oltre all'Atlante, nel corso dei prossimi giorni verranno presentati il volume "Diario Partigiano", di Giorgio Vicchi, il libro "Il caso Facio. Eroi e traditori della Resistenza", "Diario della guerra che non ho combattuto", di Giulio Supino, e i nuovi volumi della Collana Storica di Diari e Memorie dell'Istituto Parri.

L’Istituto Parri presenta poi la mostra fotografica "Framing Edward Reep – Un artista di guerra sulla via di Bologna 1944-1945", conclusione del progetto di ricerca incentrato sulla figura del pittore di guerra americano Edward Reep iniziato qualche anno fa. Verranno esposte le immagini fotografiche che Reep scattò durante la discesa delle truppe alleate dall’Appennino verso Bologna e nei giorni della Liberazione della città. Sono fotografie assolutamente inedite, mostrate per la prima volta, frutto dello sviluppo di rullini ritrovati recentemente tra le carte di Edward Reep. La mostra, che inaugurerà venerdì 17 aprile, sarà allestita in due sedi distinte: nel cortile di Palazzo d’Accursio verranno esposte le fotografie scattate da Reep nei giorni della Liberazione di Bologna, tra il 21 e il 28 Aprile del 1945; all’istituto Parri, invece, troveranno sistemazione le fotografie realizzate durante il viaggio del soldato americano al seguito della 5° Armata dall’Appennino alla città, immagini accompagnate dalle pagine del suo diario personale, e i disegni frutto di quell’esperienza.


Ascolta l'intervista a Luca Alessandrini

Ascolta Online


realizzato da Channelweb srl  /  progetto grafico Eddy Anselmi  /  P. IVA 00954970372

Questo sito web impiega cookie tecnici e di profilazione, proseguendo nella navigazione si acconsente al loro utilizzo close[ informazioni ]