Radio Città Fujiko»Notizie

Hobo e Cua occupano la mensa universitaria

Distribuiti pasti ad un euro per protestare contro il prezzo della mensa bolognese


di Francesco Ditaranto
Categorie: Movimento
Mensa Occupata.jpg

Nuova iniziativa di Hobo e Cua che, questa mattina, hanno occupato la mensa universitaria. L'obiettivo porre l'attenzione sui costi, ritenuti eccessivi, che gli studenti devono sostenere per mangiare nella struttura.

Bologna è una delle città più costose per chi vuole mangiare in mensa. A fronte dei 2 o 3 euro, tanto costa un pasto completo in altre grandi città universitarie, il vassoio di uno studente bolognese può costare fino a 7 euro.

Per porre l'attenzione su questo problema, ennesimo attacco alle non certo pingui tasche degli studenti dell'Alma Mater, i collettivi Cua e Hobo hanno occupato oggi la mensa universitaria di Piazza Puntoni.

Un'iniziativa a prezzi più che popolari, se si considera che gli studenti hanno distribuito pasti al simbolico prezzo di un euro.

"Oggi si è trattato di un'occupazione temporanea. Martedi si replica" dice Ivan di Hobo.

L'occupazione della mensa non è un'azione isolata, ma fa parte di una decisa opposizione alle politiche di austerità, che stanno erodendo il potere d'acquisto a livelli non sostenibili.

"Cerchiamo -conclude Ivan- di ottenere risultati su singole vertenze, pur sentendoci parte di un movimento più ampio."


Ascolta l'intervista a Ivan del collettivo Hobo
Tags: CUA, HOBO, Mensa

Ascolta Online


realizzato da Channelweb srl  /  progetto grafico Eddy Anselmi  /  P. IVA 00954970372

Questo sito web impiega cookie tecnici e di profilazione, proseguendo nella navigazione si acconsente al loro utilizzo close[ informazioni ]