Radio Città Fujiko»Notizie

Grecia: informazione libera a rischio

L'ondata di repressione che coinvolge la sinistra radicale greca non risparmia neppure l'informazione indipendente.


di redazione
Categorie: Movimento, Politica, Esteri
grecia.jpg

L’incredibile caduta della Grecia nella classifica stilata da Reporter Senza Frontiere sulla libertà d'informazione (che è attualmente 84° ovvero in un anno ha perso 14 posizioni) preoccupa gli osservatori.

L’ambiente sociale e professionale per i suoi giornalisti, esposti alla condanna pubblica e alla violenza sia dei gruppi estremisti che della polizia, è disastroso.

A partire dalla fine di dicembre la polizia ha ordinato decine di arresti, sgomberato storiche occupazioni ed effettuato continue incursioni nelle università, senza escludere il Politecnico di Atene che dagli anni ’70 ha sempre funzionato da asilo contro la repressione.

Una delle conferme di questa drammatica situazione nel paese maggiormente colpito dalla crisi nell'Eurozona è lo sgombero di Endasi Fm. Nelle mirino delle autorità ci sono anche i media indipendenti. Il 28 dicembre a seguito di un’incursione nella facoltà di Economia di Atene, la polizia ha sequestrato tutte le apparecchiature di 98 FM, radio indipendente che trasmetteva dal 2002.

“Non c’è nessuna tutela per le radio comunitarie in Grecia” spiega Akis di Endasi FM, emittente che ha sede nello storico quartiere di Exarchia ad Atene, ancora oggi presidiato da centinaia di agenti. Con l’attuale ondata repressiva e in mancanza di una protezione giuridica, l’intero movimento delle radio libere nel paese è a rischio.


Ascolta l'intervista ad Akis di Radio Endasi Fm

Ascolta Online


realizzato da Channelweb srl  /  progetto grafico Eddy Anselmi  /  P. IVA 00954970372

Questo sito web impiega cookie tecnici e di profilazione, proseguendo nella navigazione si acconsente al loro utilizzo close[ informazioni ]