Radio Città Fujiko»Notizie

Forza Nuova in piazza a San Lazzaro, il sindaco: "Una provocazione"

L'estrema destra strumentalizza un ordine del giorno del Consiglio comunale.
                                             


di redazione
Categorie: Politica
FN.jpg

Il Consiglio comunale di San lazzaro ha approvato un odg che prevede che per avere in concessione gli spazi pubblici sia necessario dichiarare di aver preso atto dei principi della Costituzione. Forza Nuova: "Crediamo che fondamentalmente il Comune voglia metterci un bavaglio, saremo in piazza". Il sindaco: "Una provocazione".

Sabato mattina a San Lazzaro di Savena si terrà un banchetto di Forza Nuova, in risposta a quello che il partito di estrema destra ha definito "un tentativo di mettere il bavaglio alle idee". Il sindaco di San Lazzaro, Isabella Conti, prende atto della scelta di Forza Nuova, ma sottolinea che gli esponenti del partito stanno strumentalizzando qualcosa che non esiste. "Abbiamo compreso la finalità politica e provocatoria di Forza Nuova - commenta Conti ai nostri microfoni - ma nell'ottobre del 2015, dopo che avevano fatto richiesta per fare un banchetto in piazza Bracci, dopo aver visionato il loro programma che prevede l'abolizione del reato di apologia del fascismo, abbiamo ritenuto che concedere uno spazio su una piazza intitolata a un partigiano non sarebbe stato rispettoso".

Conti racconta che all'epoca Forza Nuova non ha fatto obiezioni, mentre ora ha annunciato la manifestazione.
Il presidio, inizialmente previsto in Piazza Bracci davanti al Comune, si terrà invece sotto i portici a ridosso della via Emilia a seguito di una modifica della richiesta da parte degli esponenti del partito neofascita.

A suscitare la reazione di Forza Nuova è stata anche l'approvazione in Consiglio comunale dell'ordine del giorno che proponeva come condizione per la concessione di spazi pubblici del Comune quella di aver preso atto dei principi enunciati in Costituzione, con particolare riferimento alla XII disposizione transitoria e finale, dove si esplicita che "è vietata la riorganizzazione, sotto qualsiasi forma del disciolto partito fascista".

"Respingiamo con fermezza il tentativo del sindaco, di anacronistiche sigle ed associazioni, di mettere il bavaglio alle idee – ha precisato il partito di estrema destra - e cogliamo l’occasione per annunciare che sabato saremo lì per ribadire la nostra contrarietà a qualsiasi limitazione nell’espressione delle idee".

"L'ordine del giorno approvato in Consiglio comunale non dice questo - risponde il Sindaco di San Lazzaro - Semplicemente noi chiediamo che venga effettuata una dichiarazione di presa d'atto e di conoscenza e consapevolezza dei valori riconosciuti nella Costituzione. Non mi sembra nulla di trascendentale se non riaffermare diritti e doveri dei cittadini di consapevolezza e senso di responsabilità quando si promuovono attività e idee politiche nelle pubbliche piazze".

Anna Uras


Ascolta Online


realizzato da Channelweb srl  /  progetto grafico Eddy Anselmi  /  P. IVA 00954970372

Questo sito web impiega cookie tecnici e di profilazione, proseguendo nella navigazione si acconsente al loro utilizzo close[ informazioni ]