Radio Città Fujiko»Notizie

"Fascisti del Terzo Millennio", un libro per capire CasaPound

Questa sera la presentazione a Vag 61.


di Alessandro Albana
Categorie: Movimento
small_121124-195822_Bast241112cro_0030.jpg
Una manifestazione di CasaPound

Questa sera a Vag 61 la presentazione del volume curato dalla ricercatrice Maddalena Gretel Cammelli. Un viaggio nel mondo di CasaPound e dell'estrema destra che ne mette a nudo metodi e meccanismi. E che arriva dopo le iniziative degli skinhead veneti contro la Caritas e il Pd, colpevoli di "condurre un chiaro disegno politico finalizzato all’annientamento dell’identità italiana".

CasaPound, estrema destra, xenofobia, integralismo identitario. Sono le dimensioni che la ricercatrice Maddalena Gretel Cammelli ha esplorato in anni di ricerche e interviste ai fascisti del terzo millennio, e che ha raccolto in "Fascisti del Terzo Millennio. Per un'Antropologia di CasaPound", il volume che questa sera verrà presentato a Vag 61.

"Sono andata a incontrare alcuni militanti di CasaPound, i fascisti del terzo millennio", racconta Maddalena ai nostri microfoni. In questi anni, la ricercatrice ha ricostruito i meccanismi dell'estrema destra italiana e di una delle sue espressioni più note, CasaPound appunto. Si tratta di soggetti e fenomeni politici facili da identificare, ma non circoscritti. "CasaPound - spiega infatti Maddalena - È un modello italiano di un fenomeno che è più ampio".

I contenuti sono noti. Integralismo, xenofobia, intolleranza. Meno facili da decifrare sono invece metodi e meccanismi. Si tratta, racconta la ricercatrice, di messaggi politici che si manifestano più come "espressioni religiose" che come "ragionamenti razionali". CasaPound viene vissuta soprattutto come una comunità omogenea", in cui forte è l'"identificazione col capo".

Le radici affondano nella storia, già nel periodo successivo alla Liberazione. Perchè certa fascinazione, quando non vera e propria adesione, a vent'anni di fascismo in questo Paese non è mai stata del tutto abbandonata.
In questi anni la nostalgia ha trovato nuova linfa nella "reazione a una crisi economica e sociale che produce una crisi di identificazione".

Un esempio su tutti, quanto accaduto ieri ad alcune sedi della Caritas e del Pd nel nord Italia, dove i fascisti del Veneto Fronte Skinhead hanno lasciato sagome col tricolore per protestare contro chi è ritenuto colpevole di "condurre un chiaro disegno politico finalizzato all’annientamento dell’identità italiana".

Maddalena ricorda come l'azione di ieri "riprende una cosa fatta analogamente da CasaPound nel 2010-2011. È solo un caso che oggi sia il Veneto Fronte Skinhead". Del resto, continua la ricercatrice, "CasaPound, con la Lega Nord, sono stati i primi protagonisti delle manifestazioni contro i centri di accoglienza nell'ultimo anno e mezzo". Pare abbastanza per tenere sempre alta la guardia.


Ascolta l'intervista a Maddalena Gretel Cammelli

Ascolta Online


realizzato da Channelweb srl  /  progetto grafico Eddy Anselmi  /  P. IVA 00954970372

Questo sito web impiega cookie tecnici e di profilazione, proseguendo nella navigazione si acconsente al loro utilizzo close[ informazioni ]