Radio Città Fujiko»Notizie

Europee, Tsipras vs astensione e populismi

Anche a Bologna nasce la lista che appoggia il leader greco di Syriza.


di Alessandro Canella
Categorie: Politica
Alexis_syriza.jpg

Anche a Bologna sta nascendo la lista che appoggerà il leader di Syriza alle elezioni europee e che, oltre all'austerity, deve fronteggiare astensione e populismi. Dal 23 febbraio si raccolgono le firme, anche con l'appoggio dell'Arci. Il 24 febbraio Guido Viale presenta la lista a Bologna.

Il prossimo 25 maggio i cittadini europei saranno chiamati alle urne e le famiglie di partiti europei stanno scegliendo i nomi su cui puntare. Mentre i popolari non hanno ancora individuato un proprio candidato forte, i socialdemocratici convergono sulla figura di Martin Schulz.
A sinistra, invece, si punta su Alexis Tsipras, leader di Syriza, il partito della sinistra greca che ha "rischiato" di vincere le elezioni proprio quando il Paese ellenico era sotto lo spietato fuoco della Troika.

Le liste che stanno nascendo a sostegno di Tsipras si riuniscono attorno al rifiuto dell'austerity che ha contraddistinto la gestione europea della crisi economica e che ha prodotto disoccupazione e povertà.
"Le novità di questa lista - spiega ai nostri microfoni Marco Trotta - sono due. Innanzitutto per la prima volta si indica chiaramente chi sarà il presidente della Commissione europea. La seconda novità è che in Italia la lista nasce dall'appello di diverse personalità, come Andrea Camilleri, Barbara Spinelli, Marco Revelli e Guido Viale".

A Bologna il comitato promotore della lista si è riunito per la prima volta giovedì scorso e ha iniziato a raccogliere le proposte per le candidature del territorio.
Fino al 21 sarà possibile sottoscrivere le proposte, mentre dal 23 si raccoglieranno le firme. Raccolta che ottiene il sostegno dell'Arci, che mette a disposizione le proprie sedi per recarsi a firmare.
Il giorno successivo, 24 febbraio, Guido Viale sarà a Bologna per la presentazione ufficiale.

Per quanto riguarda le aspettative l'incertezza è tanta. "Da un lato dovremo fronteggiare la grande astensione - spiega Trotta - dall'altro il voto in massa per i populismi, ovvero per chi conta di uscire dalla crisi con risposte identitarie e aggressive".
Quel che propone la lista Tsipras, invece, non è euroscetticismo, ma un cambio di paradigma all'interno dell'Europa.


Ascolta l'intervista a Marco Trotta

Ascolta Online


realizzato da Channelweb srl  /  progetto grafico Eddy Anselmi  /  P. IVA 00954970372

Questo sito web impiega cookie tecnici e di profilazione, proseguendo nella navigazione si acconsente al loro utilizzo close[ informazioni ]