””/

Il 28 settembre la mobilitazione transnazionale per la libertà di scelta e di autodeterminazione su comportamenti sessuali e riproduttivi e per il diritto all’aborto libero, sicuro, gratuito. Tra stupri, femicidi e altre forme di violenza di genere l’Italia sembra tornata al medioevo. L’obiezione di coscienza ha superato il 70% Non una di meno Bologna domani in assemblea per organizzare la manifestazione.

ASCOLTA L’INTERVISTA AD ANGELA BALZANO DI NON UNA DI MENO BOLOGNA: