Radio Città Fujiko»Notizie

Diffamazione: la vendetta della politica

La discussione in Parlamento sul ddl Diffamazione


di redazione
114201093839a.jpg

Carcere per i giornalisti e non per i direttori: diventa sempre più un pasticcio il ddl Diffamazione in discussione in Parlamento. La nuova ipotesi, dopo il blitz in Senato, conferma la volontà della politica per vendicarsi delle inchieste sugli scandali.

La discussione parlamentare sul ddl Diffamazione si sta trasformando in un "pasticciaccio brutto" di gaddiana memoria.
Dopo il blitz in Senato di qualche giorno fa, dove col voto segreto la maggioranza si è schierata a favore del carcere, ora l'ipotesi messa a punto dai parlamentari prevederebbe il carcere solo per i giornalisti e non per i direttori delle testate. Un'assurdità che fa venir meno la responsabilità che proprio la figura del direttore dovrebbe esercitare.

Nata per evitare il carcere al direttore de "Il Giornale" Alessandro Sallusti, la norma sulla diffamazione si sta in realtà rivelando una vendetta della politica contro la stampa.
"In un momento delicato come questo - osserva Stefano Corradino, direttore di Articolo 21 - dove l'informazione sta svolgendo un ruolo fondamentale nel fare emergere le malefatte della politica, quest'ultima va alla resa dei conti".

La preoccupazione dei giornalisti, dunque, è che con il pretesto della diffamazione si cerchi di intimidire chi indaga e di mettere l'ennesimo bavaglio al diritto di cronaca.
"In Parlamento - prosegue Corradino - si sta verificando quello che è successo con la legge sulla corruzione, in cui molti parlamentari coinvolti direttamente si trovavano a decidere di se stessi".
E allora, secondo il direttore di Articolo 21, meglio tornare alla norma precedente o rinviare la discussione ad un momento più sereno, a dopo le elezioni.


Ascolta l'intervista a Stefano Corradino

Ascolta Online


realizzato da Channelweb srl  /  progetto grafico Eddy Anselmi  /  P. IVA 00954970372

Questo sito web impiega cookie tecnici e di profilazione, proseguendo nella navigazione si acconsente al loro utilizzo close[ informazioni ]