Radio Città Fujiko»Notizie

Roma in solidarietà ai prigionieri politici baschi

Una notte per Lander e per i prigioneri politici bachi nelle carceri spagnole


di redazione
Categorie: Movimento
mugu.jpg

Sabato 8 giugno un momento di controinformazione e cultura al Loa Acrobax di Roma. Sul palco artisti romani e baschi tra cui Fermin Muguruza, in una lunga notte per la campagna di solidarietà con i prigionieri e le prigioniere politiche basche. Organizzata dal comitato Un caso basco a Roma il ricavato coprirà le spese legali di Lander Fernadez.

Il controverso caso di Lander Fernadez comincia qualche anno fa. Giovane attivista basco residente a Roma oggi si trova nel carcere Soto del Real (vicino Madrid): l'estradizione è partita il 27 aprile quando alcune decine di agenti di diversi corpi di sicurezza si sono presentati al suo domicilio, a Garbatella.

L'Audiencia National di Madrid, il tribunale speciale, che si occupa di alcuni reati come terrorismo, narcotraffico e corruzione, vuole processare Lander Fernandez per "strage e terrorismo" ed è accusato insieme a di aver incediato un autobus vuoto nel febbraio 2002 assieme a un complice Aingeru Cardano.

L'accusa è strutturata sulla testiomonianza di Cardano, che ha denunciato di aver subito torture durante l'interrogatorio. Nel 2012 Fernadez si rifugia in Italia e così arriva la richiesta di estradizione applicata poco più di un mese fa. L'8 gennaio 2013, la Corte d'Appello di Roma ammette l'estradizione e riconosce la validità delle accuse, compresa l'aggravante di terrorismo.

Quella di Lander è una storia che arriva fin da noi ma tanti sono i prigionieri politici bachi che hanno più volte denunciato la difficile condizione che vivono nelle carceri. Centinaia di attivisti hanno denunciato di aver subito torture e molte organizzazioni internazionali hanno denunciato la loro condizione.

Tutti i prigionieri politici baschi si trovano ad almeno cento chilometri dal loro luogo di origine e nelle moderne carceri si è deciso di gestire la detenzione per moduli separati. In pratica nessun contatto possibile per i detenuti politici, né con l'esterno, né tra loro. Per ragioni di sicurezza sono stati anche negati i momenti ricreativi e la possibilità di accesso agli spazi comuni di socialità all'interno delle strutture, ovvimente proibita l'ora d'aria. Inoltre tramite una provvedimento legislativo retroattivo, la Dottrina Parot, a molti detenuti sono stati cancellati gli sconti della pena accumulati negli anni per buona condotta.

Per continuare a denunciare questa situazione e sostenere Lander e la sua compagna a Roma il comitato Un Caso Basco a Roma  ha portato avanti diverse mobilitazioni e iniziative. Una realtà che cerca di portare anche nel nostro Paese le ragioni di questa lotta, che necessita di visibilità anche e soprattutto al di fuori dei confini della Spagna.


Ascolta l'intervista a Marco Santopadre del Comitato Un Caso Basco a Roma
Tags: Giustizia, Mondo

Ascolta Online


realizzato da Channelweb srl  /  progetto grafico Eddy Anselmi  /  P. IVA 00954970372

Questo sito web impiega cookie tecnici e di profilazione, proseguendo nella navigazione si acconsente al loro utilizzo close[ informazioni ]