Radio Città Fujiko»Notizie

Come sarà Bologna tra 15 anni?

Le previsioni degli scenari demografici in città dal 2015 al 2030


di redazione
Categorie: Società
52078_piazza_maggiore_bologna.jpg

Uno scenario complesso quello tratteggiato attraverso grafici e tabelle dall'Area programmazione, controlli e statistica di Bologna. Lo scopo di queste previsioni è prima di tutto quello di guidare le scelte dell'amministrazione, ma si tratta di un quadro di cui ogni cittadino fa parte, e che può essere interessante sbirciare.

Da più di vent'anni viene realizzato un modello di previsione degli andamenti demografici futuri, al fine di attuare politiche di medio lungo periodo che siano fondate su dati statistici affidabili. "Si tratta di modelli che costruiamo ogni tre anni, ma che coprono un arco di tempo di quindici anni" spiega Gianluigi Bovini, capo dell'Area programmazione, controlli e statistica. "Infatti se alcuni andamenti sono facilmente prevedibili anche sul lungo periodo - spiega Bovini - vi sono variabili che non è possibile controllare, e perciò è necessario aggiornare frequentemente le previsioni, per quanto finora i dati si siano rivelati attendibili anche sul lungo periodo".
"Sono dati di fondamentale importanza - sottolinea il Vicesindaco Silvia Giannini - perchè permettono all'amministrazione di adattare le proprie politiche ad un contesto che è in continua evoluzione". Ad essere interessate da questi studi, sono soprattutto le politiche riguardanti i servizi pubblici, come la scuola, la sanità, e servizi socio-assistenziali.

Per quanto riguarda i numeri, la popolazione di Bologna, che all'inizio del 2015 era attestata a 386.181 persone, dovrebbe registrare un leggero aumento, arrivando nel 2030 a superare quota 400.000. Tale aumento sarà possibile solo grazie al fenomeno dell'immigrazione, che attualmente è caratterizzata da una predominanza dagli spostamenti interni di cittadini italiani, che nel 2014 costituivano circa i 2/3 delle immigrazioni complessive. Sempre grazie al fenomeno delle migrazioni (generalmente da lavoro e comunque riguardanti persone in età da lavoro) l'età media si alza solo di un anno, passando da 47 anni a più di 48, a fronte di un aumento significativo del numero degli anziani, e in particolare degli ultraottantenni, che potrebbero passare dagli attuali 35.429 a quasi 41.000 ad inizio 2030, andando a costituire oltre il 10% della popolazione totale.
Parlando di natalità infine, è previsto un calo delle donne in età feconda (ovvero tra i 15 e i 49 anni) e di conseguenza il calo delle nascita sembra essere inevitabile, anche nello scenario più ottimistico di un aumento della fecondità.

Nell'ambito delle conseguenze amministrative dei dati presentati, l'aumento lieve della popolazione suggerisce una politica urbanistica che non sia dirompente, e nell'ambito delle scuole le previsioni relative alle singole fasce d'età suggeriscono un aumento della popolazione che rappresenta l'utenza potenziale delle scuole elementari e soprattutto delle medie e delle scuole secondarie di secondo grado. "In questo senso l'amministrazione ha già attuato una politica in linea con le previsoni - spiega il Vicesindaco - con il progetto delle cinque scuole nuove già in corso, perciò non dovrebbero essere necessari ulteriori investimenti, fatto salvo per migliorie a mantenimento delle strutture già esistenti".

"Sulla città - conclude Bovini - sta avanzando l'onda demografica del baby-boom di cinquant'anni fa, che porta l'età media della popolazione ad alzarsi e la città, per così dire, ad invecchiare. Questo fenomeno è dovuto anche ad un innalzamento della speranza di vita, che a Bologna è particolarmente alta e si prevede che continui a crescere. Tuttavia è importante non dimenticare che sul territorio di Bologna ogni giorno ci sono quasi 100.000 persone che non rientrano in questa statistica, tra pendolari e studenti fuori-sede non residenti ma domiciliati qui".

Anna Uras


Ascolta l'intervista a Silvia Giannini

Ascolta l'intervista a Gianluigi Bovini

Ascolta Online


realizzato da Channelweb srl  /  progetto grafico Eddy Anselmi  /  P. IVA 00954970372

Questo sito web impiega cookie tecnici e di profilazione, proseguendo nella navigazione si acconsente al loro utilizzo close[ informazioni ]