Radio Città Fujiko»Notizie

Cittadini al freddo per colpa di Big Snow? Paga l'Enel

L'iniziativa del Codacons per garantire degli equi indennizzi a chi è rimasto senza elettricità


di redazione
Categorie: Società
1109998-neve_a_reggio.JPG

L'abbondante nevicata ha lasciato più di 80 mila persone senza elettricità in tutta l'Emilia Romagna, che da oggi potranno richiedere un equo risarcimento all'Enel, grazie all'iniziativa di Codacons che si è offerta di aiutare gratuitamente tutti i cittadini rimasti al freddo.

Quando Big Snow, così è stata definita la nevicata che ha bloccato l'Emilia per giorni, è arrivato, tutti se lo aspettavano. La voce in effetti girava già da un po', non solo per le piazze e i bar bolognesi, ma anche su tutti i media nazionali, compresi i bollettini dell'allerta meteo. Ciò però non ha impedito ad  80 mila persone di rimanere senza elettricità, tant'è che per fare fronte all'emergenza, prevista, la regione è intervenuta organizzando dei centri d'accoglienza per le famiglie rimaste al freddo. Mentre nel frattempo l'Enel non rispondeva al telefono.

Ed ora che l'emergenza è rientrata, anche se alcune persone sono ancora senza elettricità, il Codacons ha deciso di intervenire a tutela di tutti i consumatori e utenti Enel che, visto il disagio arrecato, hanno diritto ad un equo risarcimento per i danni subiti. "Non è credibile la testi che tutti questi disservi siano frutto di una situazione eccezionale, visto che si è trattato solo di un'abbondante nevicata. Per questo, anche a fronte delle richieste da parte di diversi sindaci, aiuteremo gratuitamente i cittadini ad ottenere un congruo risarcimento per i disagi arrecati" spiega l'avvocato Bruno Barbieri del presidente Codacons Emilia Romagna.

ll Codacons, grazie anche ai rapporti che ha con l'Enel, svolgerà una funzione di coordinamento e mediazione per gestire le varie richieste indirizzate dai consumatori all'azienda, che però si è detta decisa a collaborare. "L'Enel ci ha fatto sapere di essere disponibile a rimborsare degli indennizzi a seconda del tipo di utenza e delle ore di mancato servizio, ma con dei limiti di tetto massimo" continua Barbieri che però sottolinea anche come il Codacons cercherà di aiutare in tempi brevi anche chi ha ricevuto danni maggiori con un'azione di risarcimento collettiva.

Per capire se i propri danni registrati si trattino di indennizzo o di risarcimento, occorre visitare il sito di Codacons, dove è possibile scaricare tutta la modulistica e compilare un questionario per attivare subito le richieste di rimborso, senza alcun onere per il cittadino. Ogni domanda dovrà comunque essere supportata da una serie di prove che documentino il disagio arrecato ai singoli.

Per chi fosse interessato ad attivare l’azione risarcitoria può chiamare il numero 051.312611 o scrivere all’indirizzo email dbdbstudio@gmail.com

Francesca Candioli


Ascolta l'intervista all'avvocato Bruno Barbieri

Ascolta Online


realizzato da Channelweb srl  /  progetto grafico Eddy Anselmi  /  P. IVA 00954970372

Questo sito web impiega cookie tecnici e di profilazione, proseguendo nella navigazione si acconsente al loro utilizzo close[ informazioni ]