Radio Città Fujiko»Notizie

Cariche Piazza Verdi, Merola: "Rispettato il regolamento"

Scontri e cariche tra Piazza Verdi e Via Zamboni 38. Un ferito.


di redazione
Categorie: Movimento
942503_651608794856659_363768193_n.jpg

L'assemblea con le lavoratrici della Sodexo davanti alla Facoltà di Filosofia, organizzata dal Collettivo Universitario Autonomo, è stata interrotta intorno alle 20 dall'arrivo di polizia in assetto antisommossa. Studenti e lavoratrici si sono successivamente spostati in Piazza Verdi dove sono cominciate le cariche. Merola: "E’ stato fatto rispettare il regolamento".

L'intervento delle forze di polizia sarebbe avvenuto a causa dell'utilizzo delle casse acustiche, vietate con un'ordinanza comunale dopo alcune iniziative organizzate in zona universitaria durante la campagna elettorale per il senato accademico.

Dopo l'arrivo delle forze dell'ordine alcuni attivisti hanno portato fuori dalla facoltà di Filosofia alcune sedie per formare una barricata proprio all'altezza di Via Zamboni 38. Intanto l'assemblea con le lavoratrici pisane si è spostata in Piazza Verdi: qui è iniziata la prima carica da parte dei poliziotti in assetto antisommossa, seguita da lanci di bottiglie. La situazione di tensione è andata avanti fino a dopo le 21 quando le forze dell'ordine hanno deciso di arretrare. Uno studente ha riportato delle ferite ed è stato trasferito all'Ospedale Sant'Orsola.

"La piazza non vi vuole! Solidarietà alle lavoratrici e alle Sodexo e alla dignità di tutti hanno il coraggio di esporsi e dire le cose come stanno e denunciare ogni sopruso!" scrivono gli attivisti sui social network. Gli studenti e le studentesse del Cua hanno deciso di portare avanti l'iniziativa e il programma previsto per la serata all'interno degli spazi di Via Zamboni 38. 

“E’ stato fatto rispettare il regolamento di polizia urbana. Era ora di intervenire con metodo e spero si continui così - queste invece le parole di commento del sindaco Virginio Merola sui fatti di Piazza Verdi - Non esiste al mondo che si parli di studenti repressi. Si sta degenerando, è ora di intervenire, quindi adesso si interviene. Abbiamo concordato bene quello che deve fare la polizia e quello che deve fare la Polizia Municipale. Ora si comincia e recuperemo il ritardo: tutti rispetteranno le regole del vivere civile, l’intervento sarà metodico”.

 


Ascolta l'intervista a Michele del C.U.A.

Ascolta Online


realizzato da Channelweb srl  /  progetto grafico Eddy Anselmi  /  P. IVA 00954970372

Questo sito web impiega cookie tecnici e di profilazione, proseguendo nella navigazione si acconsente al loro utilizzo close[ informazioni ]