Radio Città Fujiko»Notizie

Blitz a Repubblica Bologna, "Siete apparati politici"

L'incursione all'interno della settimana di mobilitazione dei movimenti bolognesi.


di redazione
Categorie: Movimento
HoboRepubblica.jpg
Il blitz a Repubblica Bologna. Foto: Hobo

All'interno della settimana di mobilitazione dei movimenti bolognesi, alcuni attivisti hanno fatto irruzione, questa mattina, nella sede bolognese de "La Repubblica", srotolando uno striscione e finte pagine del giornale. L'accusa è di nascondersi dietro la libertà di informazione, ma di essere "apparati politici". Iniziative anche domani e mercoledì una manifestazione che parte alle 18 da piazza Ravegnana.

"Renzi, più che dal Pd, è sostenuto dal partito di Repubblica". Con queste parole Gigi Roggero, attivista di Hobo, sintetizza ai nostri microfoni il senso del blitz che il collettivo, insieme agli altri che hanno preso parte all'assemblea di mercoledì scorso a Scienze Politiche (Ross@, Vag61, Xm24, Circolo Berneri, Tpo, Labàs, Terzopiano e Usb), hanno effettuato presso la sede bolognese del quotidiano "La Repubblica".
L'azione rientra nella settimana di mobilitazione iniziata quest'oggi e che culminerà nella manifestazione di mercoledì prossimo, prevista per le 18 in piazza Ravegnana.

Il primi obiettivi scelti dai movimenti, dunque, sono i media, accusati di essere veri e propri "apparati politici", che però si nascondono dietro la libertà di informazione. "Repubblica in particolare - spiega Roggero - è artefice e promotrice dei passaggi istituzionali degli ultimi anni, dall'incoronazione di Re Giorgio alla gestione del post-berlusconismo con i governi Monti, Letta e Renzi".
L'attivista parla di un vero e proprio "partito di Repubblica", che da alcuni anni condiziona l'opinione pubblica, trincerandosi dietro la libertà di informazione.

Durante l'irruzione è stato srotolato uno striscione e portate alcune finte prime pagine del quotidiano che recitavano: "Annullato il governo, Renzi si sposta a Bruxelles. #Repubblicastaiserena".
Le prossime tappe della mobilitazione, infine, riguarderanno debito, banche, disoccupazione e Jobs Act. Nella manifestazione di mercoledì c'è l'intenzione di "colpire alcuni dei luoghi che oggi ben rappresentano il modello Renzi-Poletti e il Jobs Act, la produzione di precarietà e le opera della speculazione urbana, aprendo così nuovi orizzonti cittadini".


Ascolta l'intervista a Gigi Roggero di Hobo

Ascolta Online


realizzato da Channelweb srl  /  progetto grafico Eddy Anselmi  /  P. IVA 00954970372

Questo sito web impiega cookie tecnici e di profilazione, proseguendo nella navigazione si acconsente al loro utilizzo close[ informazioni ]