Radio Città Fujiko»Notizie

L'appello a sorpresa per il processo sulla morte di Vik

Ancora ombre e poche informazioni sulle date delle fasi del processo ai colpevoli della morte di Arrigoni.


di redazione
Categorie: Movimento, Politica, Esteri
arrigoni2.jpg

A sorpresa domenica 17 e quella successiva, il 24, ci saranno i processi d'appello per tre uomini condannati per la morte di Arrigoni. Il diritto d'appello è legittimo ma Hamas ancora una volta, come nel 2011, non ha diffuso la notizia, neppure ai familiari di Vik.


All'Alta Corte militare di Gaza si presenteranno Tamer Hasasna e Mahmud Salfiti il 17 febbraio, già condannati all'ergastolo per sequestro e omicidio. Il 24 invece sarà la volta di Khader Jram, condannato a dieci anni per aver collaborato attivamente con i rapitori di Vik.

Come nell'estate 2011, quando le autorità di Gaza svolsero in segreto due udienze preliminari del processo, anche questa volta la notizia della data dell'appello non era stata diffusa. Questa volta il Centro Palestinese per i Diritti Umani è riuscito a informare in tempo l'avvocato della famiglia Arrigoni, Gilberto Pagani.

In questa fase del processo si dovrebbero chiarire diversi punti oscuri della vicenda. Almeno questa è la speranza della famiglia. "Sembra che Hamas voglia tentare di oscurare il ricordo di Vittorio non tanto in coloro che gli erano vicino ma in tutte quelle persone che lo sostenevano, dalla Palestina e dall'Italia. Fortunatamente per l'operato di Vik tutto questo per ora è impossibile" conclude Michele Giorgio, corrispondente da Gaza per Il Manifesto.


Ascolta l'intervista a Michele Giorgio

Ascolta Online


realizzato da Channelweb srl  /  progetto grafico Eddy Anselmi  /  P. IVA 00954970372

Questo sito web impiega cookie tecnici e di profilazione, proseguendo nella navigazione si acconsente al loro utilizzo close[ informazioni ]